Lo spettacolo della fioritura della lenticchia dal mare alla montagna del Lazio, passando per la collina. Come in uno straordinario dipinto, le distese erbose si tingono di mille colori da maggio a luglio. È un prodotto che conquista anche i palati più esigenti.

foto www.magazine.snav.it

Sul mare dell’isola di Ventotene, in provincia di Latina, la lenticchia era già nota ai tempi dei Romani. Dal 2002 la Lenticchia di Ventotene dalla lunga tradizione è inserita tra i Prodotti Agroalimentari Tradizionali del Lazio. La tipica zuppa di lenticchie è un piatto simbolo della storia dell’isola. Il sapore e la consistenza inconfondibili sono dati dalla buccia molto tenera di colore marroncino chiaro e dalla polpa cremosa.

Da sempre si coltiva con metodi naturali nel fertile terreno vulcanico riconoscibile dai tufi gialli, trachiti e basalti tipici dell’isola. Lungo i sentieri sui cigli della linea di costa, è facile imbattersi in curate coltivazioni di lenticchie. È un prodotto d’eccellenza per la sapienza degli agricoltori locali, rispettosi della tradizione. Qui la fase della spulatura avviene semplicemente avvalendosi della forza del vento.

Le gustose lenticchie di Onano IGP si possono assaggiare lungo i sentieri dell’Alta Tuscia viterbese, a nord-ovest del Lago di Bolsena tra Acquapendente, Gradoli, Grotte di Castro, Latera e San Lorenzo. Tonde e saporite, di colore marrone chiaro, sono note come le “lenticchie dei papi” perché amate da Pio IX e Pio XII.

Siamo in una tra le derrate più antiche di questi luoghi. A Onano la coltivazione risale addirittura al Medioevo quando venivano largamente consumate per compensare la penuria di proteine animali. Non è un caso, infatti, che i primi documenti afferenti questa coltura risalgano alla seconda metà del XVI secolo, fino ad arrivare ai primi anni del Novecento con le esposizioni internazionali di Roma, Londra e Parigi. La loro fioritura è tra giugno e luglio in tutta la sua generosa cromia ricca di caldi toni cremisi e brillanti verde erba.

Gustose nelle minestre, nelle zuppe, con gamberi e molluschi, come contorno “sporcate” di pomodoro, in umido con la selvaggina, sono un classico con le salsicce. Non rimane che assaggiarle accompagnate da uno degli ottimi vini del territorio.

Si sale fino a raggiungere i 1200 metri di altitudine per trovare la lenticchia di Rascino, coltivata sull’Altopiano omonimo nel Cicolano, in provincia di Rieti. È terra di montagne, boschi impervi, briganti e pastorizia. In passato le famiglie di Fiamignano dal mese di aprile emigravano qui per portare le pecore e per seminare grano e lenticchie. La loro produzione è da sempre di tipo familiare ed è oggi protetta dal marchio di Presidio Slowfood oltre al riconoscimento PAT.

Le piantine di lenticchie nascono, crescono, fioriscono tra le infestanti che prosperano sui terreni. Le infestanti sono il segno visibile che i terreni non sono trattati con fertilizzanti e pesticidi. Non c’è neppure l’irrigazione perché l’acqua qui non arriva. Per il raccolto si deve solo aspettare che piova e nel modo giusto. Rapacciole, veccia, papaveri e margherite crescono pertanto in mezzo alle lenticchie. Così la fioritura, a giugno, è un’esplosione di colori di fiori.

Le lenticchie di Rascino hanno una dimensione ridotta, e sono di colore marrone con sfumature che tendono al rossiccio. Una delle sue particolarità è la tenuta in cottura. Cuoce in una ventina di minuti e non scuoce, rimanendo morbida all’interno ma consistente sotto ai denti. Il sapore è ricco, con le note tostate tipiche del legume, ma anche punte delicate che ricordano le foglie di limone. La pasta e lenticchie è una vera specialità!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.