Forse in pochi sanno che a Roma c’è una Porta Alchemica, ma sicuramente quasi nessuno di voi sa che ce n’è un’altra nel Lazio, a Rivodutri. Partiamo da questa “chicca” per raccontarvi misteri, enigmi e curiosità poco note che aleggiano sulle Valli Reatine. Passando “di palo in frasca”, come si suol dire, vi faremo conoscere qualche aspetto bizzarro dei 15 borghi nel Cuore d’Italia.

ROMA porta alchemica a piazza Vittorio

Porta Alchemica a piazza Vittorio

Dunque dicevamo della Porta Alchemica romana in piazza Vittorio Emanuele II, l’unica ancora visibile delle cinque d’accesso alla villa Palombara, costruita alla fine del 1600 dal marchese Massimiliano Savelli Palombara, appassionato di alchimia. Pare che le iscrizioni enigmatiche siano ispirate a un pellegrino a caccia di piante che producessero oro proprio nel giardino di questa villa. All’improvviso, costui si dileguò lasciando delle tracce d’oro puro, creato dal nulla in una sola notte. In molti pensano si tratti dell’alchimista eretico Francesco Giuseppe Borri, scomparso dopo aver attraversato la Porta Alchemica di Villa Palombara, dove si rifugiò per sfuggire alla Santa Inquisizione. Oltre alle pagliuzze d’oro, lasciò delle formule alchemiche, in seguito incise dal marchese sulle porte, una sorta di istruzioni per creare la Pietra Filosofale.

Spulciando polverosi testi antichi di esoterismo, in molti hanno provato a capire i messaggi sull’ingresso noto come Porta Magica, Porta Ermetica o Porta dei Cieli: il sigillo di Davide rimanda alla setta dei Rosacroce mentre i simboli alchemici sugli stipiti rappresentano i pianeti associati ai metalli.

RIVODUTRI RI porta alchemica

Porta Alchemica a Rivodutri

Dunque, maghetti a raccolta, cogliete la sfida che il marchese lanciò molti secoli or sono: chi riesce a decifrare la simbologia della Porta Alchemica scoprirà il segreto della Pietra Filosofale! E se non riuscite a sciogliere gli arcani di quella di Roma, provate con l’Arco Alchemico a Rivodutri, il borgo immerso dall’anno Mille nella Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile.

Nel bel mezzo del centro storico di Rivodutri, si staglia un portale con criptici bassorilievi scolpiti su pietra calcarea, carico di simboli e iscrizioni di natura alchemica, mitologica e sacrale. Ancor oggi avvolti in un alone di mistero, temi teologici dei Gesuiti si mescolano a simboli cabalistici e scene tratte dal Nuovo Testamento. Nelle formelle, s’intrecciano indecifrabilmente alcuni miti greci al pensiero alchemico del Rinascimento. E come in una vecchia pellicola del cinema muto, scorrono sotto agli occhi le vicende di Mercurio, della Fenice e dell’Opus Alchemico, le allegorie delle stagioni e dei quattro elementi, acqua, aria, terra e fuoco, lasciando dubbi sull’interpretazione e il senso dell’opera.

POGGIO BUSTONE RI Riserva dei laghi Lungo e Ripasottile

Birdwatching alla Riserva dei laghi Lungo e Ripasottile

Costruita a cavallo tra il 1500 e il 1600, la Porta Santa di Rivodutri si apre su un giardino con vista panoramica a perdita d’occhio sulle Valli Reatine. Proprio qui, tra Greccio e Poggio Bustone, si spalanca la Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile, la zona umida ideale per il birdwatching. Numerose specie di uccelli nidificano qui, sorvolando canneti e ninfee gialle dalle vistose fioriture a pelo d’acqua, e poi salici, sambuchi, pioppi e arbusti di luppolo, tradizionalmente utilizzato nelle ricette locali. Nei due laghi, Lungo e Ripasottile, convivono la scardola, il luccio, la tinca e l’anguilla, mentre nei canali scodinzolano le trote di torrente.

RIVODUTRI RI Sorgenti di S. Susanna

Sorgenti di Santa Susanna

Fascinosamente addossato a una rupe, Rivodutri cela altri segreti. Incastonato tra i monti Reatini, tra il Faggio e la chiesetta di San Francesco a quota 1000 metri, scintillano le Sorgenti di Santa Susanna, monumento naturale dal 1977. Sembra il fantastico mondo di Narnja, ma siamo nel Cuore d’Italia, dove si narra che le puerpere si abbeverassero per avere latte in abbondanza. In queste acque cristalline abbonda anche il pesce d’acqua dolce al quale si dedica la Sagra del Gambero di fiume e della Trota ad agosto, con un trionfo di piatti tipici come la carpa al sesamo.

La Trota di fiume, la regina delle acque limpide e gelide nell’incontaminata Valle Santa Reatina, ha pregiate carni magre dal gusto delicato, che ispirano i ristoratori locali in rivisitazioni in chiave moderna di antiche ricette, come la trota sott’olio alle erbe aromatiche o in crosta di patate.

RIVODUTRI RI Presepe Subacqueo nelle Sorgenti di Santa Susanna

Presepe Subacqueo nelle Sorgenti di Santa Susanna

E proprio in questo eden acquatico si nasconde un gioiello segreto. A soli 20 km dal Monte Lacerone a Greccio, dove dal 1223 ancora oggi si rievoca il Primo Presepe Vivente al Mondo, si celebra il prodigio della Nascita di Gesù… sott’acqua! Sono pochi in Italia i Presepi Subacquei e quello nelle acque trasparenti della Sorgente di Santa Susanna è l’unico in una sorgente naturale. Da oltre 20 anni, le statue della Natività in vetroresina, alte circa 1,30 mt, sono poste sul fondale e illuminate anche di notte.

Riuscite a immaginare l’emozione che regala uno spettacolo del genere? Noi ne siamo pervasi a tal punto che… quasi quasi facciamo uno spuntino per calmarci! E visto che siamo nella zona di produzione del saporito Prosciutto Amatriciano IGP, stratifichiamolo su una fetta di pane senza sale e addentiamo senza pietà!

Se non siete ancora sazi, vi sveliamo l’ultimo mistero. In realtà, questa volta si tratta di un dubbio culinario. Ma prima rispondete a una domanda: è nato prima l’uovo o la gallina? E chi lo sa! Come nessuno riesce a capire se sia nata prima la gricia o l’amatriciana. Dagli ingredienti che insaporiscono queste due salse, potrebbe sembrare che sia nata prima la gricia, ma conosciamole meglio e facciamoci un’idea nostra.

PASTA ALLA GRICIA

Fin dall’antichità, il luogo prediletto per degustarla è stata l’osteria, quei ristorantini “alla buona” sorti nell’Antica Roma. Si narra che nel 400 d.C. si preparò nelle osterie per la prima volta la pasta alla gricia, oggi detta “amatriciana in bianco”.
Il nome “gricia” pare provenga dai Grici, i panettieri che dal cantone svizzero dei Grigioni emigrarono a Roma e fecero della panificazione un’arte i cui segreti si tramandavano solo di padre in figlio e, soprattutto, mai ai romani. La bottega era anche la loro casa e, quando il languore bussava alla bocca dello stomaco, preparavano piatti semplici, come la gricia.

Ma la storia continua. Altri esperti divoratori di pasta sostengono che la gricia sia nata a Grisciano, la piccola frazione di Accumoli dalla quale solo in seguito si esportò la deliziosa ricetta fino a Roma.

AMATRICE RI Spaghetti all'amatriciana

Chissà chi ha ragione, fatto sta che a 15 km da Grisciano è nata la pasta all’amatriciana, piatto simbolo della cucina italiana originario di Amatrice che, caso strano, potremmo definire “gricia al pomodoro”… eh già, i pomodori per la salsa sono arrivati in Europa dall’America solo molti secoli dopo!

Noi un po’ di curiosità ve le abbiamo raccontate, ora inizia il vostro viaggio nel Cuore d’Italia! Scoprite questi e tanti altri segreti al Festival delle Valli Reatine nel weekend 3 – 4 agosto, e raccontateci tutto sui social con #LaziodelleMeraviglie.
Vi aspettiamo ad Amatrice, Accumoli, Antrodoco, Borbona, Borgo Velino, Cantalice, Castel Sant’Angelo, Cittaducale, Cittareale, Leonessa, Micigliano, Poggio Bustone, Posta, Rieti e Rivodutri!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...