Avete voglia di una pausa dall’afa cittadina? La Valle del Turano è quello che fa per voi! Ecco un tour per trascorrere un fine settimana tra i gioielli sul Lago del Turano. È artificiale e perfettamente incastonato tra le montagne. Le sue acque turchesi sono balneabili e solcate da canoisti e barche a vela.

Lago del Turano

La prima tappa accontenta in un colpo solo gli amanti di misteriosi luoghi abbandonati, gli appassionati di borghi italiani e gli escursionisti curiosi. Si tratta di Antuni, un minuscolo borgo che scruta dall’alto dell’omonimo monte il Lago del Turano e la Riserva Naturale dei monti Navegna e Cervia.

Passiamo lo stretto istmo che lega monte Antuni alla terraferma e ci inerpichiamo su una ripida salita. Lo spettacolo ci ripaga della fatica tra i ruderi avvolti dall’edera e le ricostruzioni. Passiamo sotto il ponte cinquecentesco ed ecco l’arco d’ingresso. Qui si scoprono le origini di Antuni, le vicende storiche fino al tragico bombardamento che lo distrusse.

Andiamo alla ricerca del labirinto. È impossibile perdersi perché il percorso si avviluppa intorno a sé stesso. È un cammino simbolico di meditazione e rinascita che mette alla prova non il senso dell’orientamento ma la pazienza, la perseveranza per ritrovare se stessi.

Antuni

Antuni

Imperdibile la visita a Palazzo del Drago e i giardini pensili che guardano il lago verso l’Abruzzo. Da qui che ci si accorge che il Borgo di Antuni sorge su una penisola che sembra dividere il lago in due bacini.

Tornando indietro, si scende all’Eremo di San Salvatore, quasi a livello del Lago. Qui la storia si intreccia con la natura tra piante aromatiche e speroni rocciosi che sembrano scogli marini.

La cena in un delizioso posticino sulle rive del lago accontenta tutti i palati con il pesce di lago e la carne locale. È impossibile resistere alla tentazione di assaggiare le fettuccine ai funghi porcini e tartufo e la frittura di lavarelli, persico, coregone e cosce di rana.

Cascate delle Vallocchie

Cascate delle Vallocchie

Ammirate e prime luci del mattino che rendono dorate le acque del lago del Turano prima di raggiungere la seconda tappa: le Cascate delle Vallocchie. Lasciate l’automobile alla base del sentiero che sale all’ombra di una rigogliosa vegetazione. Godetevi i punti panoramici sul borgo di Castel di Tora in lontananza. Ecco un piccolo laghetto con cascatelle e poco più in alto un salto d’acqua di circa 30 metri. Dà forma a piccole vasche di acqua limpida, un gioco del torrente che si diverte a lanciarsi dalle rocce per tuffarsi nei piccoli specchi d’acqua.

È tempo di raggiungere la terza tappa: Castel di Tora. Il borgo è arroccato su un monte che domina il lago, scavato nella roccia come un presepe. Nella pace che domina il borgo, deliziatevi dei panorami sulle montagne circostanti e sul Lago del Turano. Affacciandovi Dalla Piazzetta, vi sembrerà d’essere protagonisti di una cartolina dai colori intensi. Castel di Tora incanta con i suoi vicoletti con le insegne in legno, gli scorci fioriti e le casette da fiaba.

Castel di Tora

Castel di Tora

Un saluto dal lungo ponte sul lago del Turano. Chissà se Clint Eastwood si sarebbe fermato a fotografarlo mentre girava “I ponti di Madison County”…

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Viaggio nei borghi Bandiera Arancione del Lazio

C’è un filo arancione che unisce 25 Comuni della regione. È quello del Touring Club Italiano che ogni anno assegna il riconoscimento di Bandiera Arancione a tutte quelle località che si contraddistinguono per l'eccellenza dell'offerta turistica e la qualità dello...

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

10 Bandiere Verdi nel Lazio top per famiglie

Scopriamo dove sventolano nel 2024 le 10 Bandiere Verdi nel Lazio, le 10 spiagge eccellenti per le famiglie per il mare pulito e i servizi a misura di bambino.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

I segreti sotterranei nei Connutti a Vignanello

Andiamo alla scoperta dei segreti sotterranei nei Connutti di Vignanello, gli straordinari spazi ipogei recuperati e resi fruibili con le visite guidate.

Le fonti di ristoro da Fiuggi a Collepardo

Dalle terme di Bonifacio al lago di Canterno, andiamo alla scoperta dell’acqua inseguendo la B Gialla in Ciociaria per il ristoro del corpo e dell’anima.

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 10 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!