Morlupo è arroccata su uno sperone di tufo a ferro di cavallo, cinto da rupi a strapiombo, con case a schiera che dominano la Valle del Tevere, a circa 30 km da Roma. Qui, in epoca romana, sorgeva la statio Ad Vigesimum, la mansio del XX miglio dell’antica via Flaminia.

Morlupo è stata il set per il piccolo e grande schermo. Alcune scene del telefilm “Liberate mio figlio”, lo sceneggiato ispirato sequestro di Cesare Casella, sono state girate in Piazza Giovanni XXIII. La stessa location è stata scelta per parte del film “I morti non pagano tasse” di Sergio Grieco, mentre il cimitero cittadino ha dato vita a scene epiche nel film “Grande, grosso e Verdone”.

Il borgo ha dato i natali alla venerabile Caterina Paluzzi (1573-1645), fondatrice del monastero delle domenicane ora abbandonato, al poeta dantofilo Domenico A. Venturini (1808-1876) e al romanziere Antonio G. Quattrini (1877-1936).

Nel borgo incontriamo il Castello degli Orsini, distrutto nel 1433 per essere ricostruito da Antimo Orsini nel 1598, e il Palazzetto Borghese d’inizio Seicento, abbellito dalle modanature all’ingresso e sul balcone, originariamente della famiglia Mattei e oggi di proprietà privata.

I ritrovamenti nel Forum Morolupum di alcune catacombe cristiane dimostrano che la zona era già abitata nel IV-V secolo. Le origini di Morlupo sono collegate ai Capenati, la fiorente popolazione italica precedente l’avvento di Roma stanziatasi lungo la riva destra del Tevere, accanto a Falisci, Sabini e al territorio etrusco di Veio. Imperdibile la visita delle bellezze naturali dove questi popoli si stanziarono: il Parco di Veio, il Monte Soratte e la Riserva Naturale Tevere-Farfa.

A tavola a Morlupo assaggiate la salsiccia Baciona, con la Sagra nell’ultima domenica di ottobre dal 1967: al centro della piazza principale si cuociono salsicce sulla brace di legna di quercia mentre si legge la “Bolla” del 1967, un testo tra il serio e il faceto che ne esalta il sapore senza mai rivelarne la ricetta.

INFO UTILI
dist. da Roma 33 km
da non perdere Castello degli Orsini
sito web Comune di Morlupo

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...