Su una rupe tufacea, Orte è stata sempre una città importante, situata su strade antiche, moderne, su vie d’acqua e ferrate strategiche. Palazzi, chiese, musei e un magico mondo sotterraneo ne confermano la ricchezza.

Del suo essere crocevia millenario culturale e commerciale conserva segni importanti, a partire dagli Etruschi, sia nella città ‘a vista’ che in quella sotterranea: perché Orte nasconde nella rupe cunicoli, cisterne e pozzi, magazzini e cantine, stalle, colombaie, triclini estivi e addirittura vani per abitazione, percorribili iniziando dalla fontana ipogea. Per la visita della città ‘emersa’ e delle architetture che l’hanno abbellita nei secoli, da non perdere sono i palazzi Neri-Roberti del ‘300, il Rinascimentale Roberteschi, Alberti della Rocca e quello dell’Orologio del XVI secolo, l’imponente Basilica di Santa Maria Assunta, la romanica San Biagi, tutti testimoni dell’importanza della città.

Non mancano le raccolte d’arte: nel Museo Diocesano c’è un rarissimo frammento musivo proveniente dalla prima Basilica di San Pietro a Roma, oltre a tavole dipinte medievali e arredi liturgici di gran pregio; il Museo Archeologico nell’antica chiesa di Sant’Antonio, espone i reperti degli scavi eseguiti ad Orte; il Museo delle Confraternite ospitato nella grande sacrestia di Santa Croce (già ospedale) conserva le più belle suppellettili delle Confraternite ortane.

Notevoli anche le feste tradizionali: dal 31 agosto alla seconda domenica di settembre si svolge l’Ottava di Sant’Egidio, con la sfilata delle sette contrade in Corteo Storico e il Palio degli Arcieri, con manifestazioni folcloristiche, stand gastronomici e giochi medioevali di piazza ogni giorno.
In una città sul Tevere, dedita da sempre al commercio, non possono mancare La Fiera di merci e le regate di barche sul Tevere, dette “Le Calate”, per il grande spostamento di ortani e turisti sulle rive del fiume a vedere la competizione. E d’inverno, al tempo dei carciofi, da non perdere è la degustazione del Carciofo di Orte, più grande del Romanesco, nelle ricette tradizionali del posto, e Orte in Cantina, con la degustazione di eccellenze locali enogastronomiche per ben due domeniche a febbraio.

INFO UTILI
distanza da Roma 88 km
da non perdere Orte Sotterranea
sito web Comune di Orte

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...