Vicovaro lungo la Via Tiburtina Valeria, è situato in una conca alberata su un pianoro che presidia la Valle dell’Aniene e sorge sui resti dell’antichissima città di Varia, avamposto difensivo della popolazione italica degli Equi.

Il borgo può considerarsi la porta d’accesso naturale alla Valle dell’Aniene e al Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili. La tradizione locale, in verità, pone la città di Varia in località Quarto del Piano e Mammalocchi, confondendo così i vasti resti di costruzioni poligonali di ville agricole del periodo romano con antiche mura di città.

Varia è annessa alla tribù Camilia, nella divisione attuata da Augusto, quando l’Aniene segnava i confini del Lazio a Sud e della Sabina a Nord e la sua giurisdizione si estendeva sino alla Valle Ustica, odierna Valle del Licenza.

Le testimonianze archeologiche del passato romano di Varia sono numerose: resti di ville rurali e residenziali, epigrafi e vari materiali architettonici e decorativi disseminati nella zona.

Nel periodo tardo-romano, Varia decade e il suo centro abitato si spopola sino a ridursi ad un semplice vicus. Il Cristianesimo si diffonde in queste terre seguendo la Via Valeria, pur conservando nel tempo alcune usanze pagane.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Cori

Cori è un borgo collinare adagiato sui monti Lepini a quota 400 mt....

Nemi

Nemi è il luogo delle famose fragoline, di antiche leggende, delle...

Toffia

Lungo il Cammino di San Francesco s'incontra Toffia, il borgo in...

Rocca di Cave

Ricco di storia e di fascino, Rocca di Cave è un borgo arroccato a...