Da paese delle vipere a paese delle acque, quale sarà il vero significato di Vivaro Romano? Nel suo stemma è presente una vipera, un elemento che può considerarsi eloquente, ma potrebbe trattarsi di un’errata interpretazione che per anni è stata data al nome del paese: Vivaro come correzione di Viprarius, come dire paese delle vipere. Lo storico Di Nicola afferma invece che “l’opinione più comune è che i coloni romani di Carseoli abbiano chiamato Vivarium il nostro territorio per l’abbondanza di acqua destinata all’allevamento dei pesci”. Qualsiasi sia la storia del suo nome, Vivaro Romano già ci affascina!

Il paese, al centro della Sabina nella Valle del Turano, è legato all’insediamento degli Equi. Nel 229 a.C., i Romani fondarono nella località una colonia latina la cui attività principale era l’allevamento di animali destinati all’alimentazione e al sacrificio. Durante le invasioni barbariche il territorio fece parte del Ducato longobardo di Spoleto. Appartenne successivamente all’Abbazia di Farfa. Nella metà del ‘400 passò agli Orsini, quindi ai Brancaleone e poi ai Borghese subendo, nel 1799, l’assalto dei francesi che incendiarono l’antico Castello, di cui oggi resta solo un rudere, la Rocca Borghese, visitatelo, immaginando la sua storia e nonostante davanti avrete solo i resti di un’antica costruzione, vi emozionerete.

Passiamo dal profano al sacro e andiamo a visitare il Santuario di Santa Maria Illuminata, sull’omonimo colle, la cui fondazione risale al XIII secolo.

Il nome di Illuminata fu aggiunto in seguito alla leggenda locale che narra di un fascio di luce che giunse sul luogo dove si trovava l’immagine della Madonna. A ricordo di tale evento, nella notte tra il 4 e il 5 agosto si tiene la processione con le fiaccole e le torce che dal Santuario di Santa Maria, a tre chilometri da Vivaro, accompagna la Madonna in paese. Le finestre lungo il tragitto vengono illuminate a festa. È uno spettacolo entusiasmante!

Mezze maniche asparagi e pancetta sono un piatto tipico che troverete.

INFO UTILI
distanza da Roma 72 km
da non perdere Santuario di Santa Maria Illuminata
sito web Comune di Vivaro Romano

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...