Nel borgo di Capena, in quello di Fiano Romano, di Morlupo e Castelnuovo di Porto a tavola si brinda con il Bianco di Capena, che rientra anche nella tipologia del vino “Superiore”, insomma, una vera bontà!

La coltivazione della vite che ha portato alla produzione di questo vino ha origini antichissime che risalgono agli Etruschi, proseguita poi con il sapiente lavoro dei Romani, tanto che Virgilio, Orazione e Stradone indicarono questa parte del Lazio come terra di boschi, oliveti e vigneti.

 

Si parla di questo vino anche in documenti ritrovati a Castelnuovo di Porto, risalenti al 1548, che trattano della regolamentazione, della coltivazione della vite e la produzione del vino, nonché delle pene per i trasgressori.

 

Un vino con una storia antica, sicuramente un bicchiere di Bianco di Capena ha il suo fascino, da provare!

 

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!