Chiamiamolo giardino e non oasi.

Da qui si parte per raccontare l’Eden del Lazio: il Giardino di Ninfa. Tra le mete più desiderate dai viaggiatori del Lazio, il Giardino di Ninfa è quanto di più emozionante possiate incontrare nei vostri viaggi, perché attraversarlo è un viaggio. Un viaggio dell’anima.

È dall’animo che è stato costruito. Il giardino non nasce a seguito di una progettazione. Non esisteva un disegno. Nemmeno un architetto che ne seguisse i lavori. La storia del giardino ha inizio nel 1920, quando Gelasio Caetani avviò la bonifica della zona ripristinando la diga medievale. Restaurò alcuni ruderi, tra cui la torre e il municipio, e diede avvio alla nascita del giardino, piantando diverse specie botaniche che recuperava all’estero durante i suoi viaggi.

Ciò che ha inseguito caratterizzato questo paradiso in terra è stata la presenza femminile nella vita di Gelasio. Aiutato da sua madre Ada Wilbraham, con le sue conoscenze botaniche, e poi a seguire da sua cognata Merguerite Chapin Caetani e dalla nipote Leila Caetani Howard, ultima erede, che ha realizzato la Fondazione Caetani affinché il giardino restasse intatto alle generazioni future.

C’è chi vi è entrato numerose volte. Perché è sempre bello vederlo, ri-vederlo, osservarlo e ri-osservarlo, come ha fatto l’architetto Tommaso Agnoni, che da tanti anni si occupa del Giardino. “Ci sono andato più di 1000 volte, racconta, vuoi per lo stato d’animo che ho nel momento in cui entro, ma non passa volta in cui io mi stupisca nell’adocchiare sempre qualcosa di diverso. E’ bello in ogni stagione e ogni stagione ha un’identità diversa. Amo l’autunno. Mentre passeggio al tramonto, non ci sono uccelli, c’è silenzio, ma un silenzio di quelli che ti raccontano una storia. Io certe volte mi chiedo se noi ce lo meritiamo di avere la possibilità di immergerci in tanta naturale bellezza”.

La novità principale degli ultimi tempi è la ricostruzione dell’ingresso del giardino così come era nella vecchia Città di Ninfa distrutta nel medioevo. Quest’opera è stata possibile grazie ai fondi regionali del Lazio.

Aspettate prima di entrare. Respirate. Chiudete i vostri occhi. Immaginatevi principi e principesse, ed ora entrate.

Come se foste abitanti del Medioevo.

L’ingresso è davanti alla Chiesa di Santa Maria Maggiore. Avrete subito l’impressione di entrare tra i ruderi di una città medievale.

La bellezza delle rovine stesse è stata esaltata da Ferdinand Gregorovius in Passeggiate romane: “Ecco Ninfa, ecco le favolose rovine di una città che con le sue mura, torri, chiese, conventi e abitati giace mezzo sommersa nella palude, sepolta sotto l’edera foltissima. In verità questa località è più graziosa della stessa Pompei, le cui case s’innalzano rigide come mummie tratte fuori dalle ceneri vulcaniche”.

Non esiste un giardino più bello di un altro. La bellezza è una questione di oggettività.

Il Giardino di Ninfa è unico. Di giardini belli ve ne sono tanti, ma non esiste luogo al mondo, che come Ninfa sia dentro i ruderi di una città, con fiumi e sorgenti che ne alimentano la vegetazione.

Acqua, ruderi e piante sono un’unicum insieme.

Prima di noi lo avevano già compreso Virginia Woolf, Giuseppe Ungaretti e Alberto Moravia, frequentatori assidui, tanto che il Giardino è entrato a far parte del Sistema dei Parchi Letterari.

Oggi il parco ospita al suo interno oltre 1300 piante diverse ed è attraversato da numerosi ruscelli d’irrigazioni, oltre che dal fiume Ninfa.

Noci americani, aceri, meli ornamentali, pini, cedri, cipressi, pioppi e noccioli, yucche… e ancora, roseti, ortensie, gelsomini, glicini, bambù… l’elenco è davvero lungo, dovrete venire di persona per ammirarlo!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...