Immergiamoci nelle bellezze naturali nel Lazio, un viaggio tra quei monumenti che Madre Natura ha ideato e forgiato con vento, acqua e ghiaccio. Partiamo alla scoperta di 6 Monumenti Naturali che lasciano senza fiato!

San Giorgio a Liri

San Giorgio a Liri

Iniziamo dalla Ciociaria dove ci aspetta il suggestivo Laghetto – Parco dei Mulini. Questo Monumento Naturale è alimentato da una sorgente e le sue acque limpide, di un azzurro intenso, celano la statua della Madonna immersa dal 1982. Siamo a San Giorgio a Liri, il borgo circondato dalle mura poligonali di Santa Lucia e Maceralonga. Il Castello del Principe Rogero Morra un tempo era un’abbazia e la Chiesa di San Rocco è dedicata a San Giorgio, il Patrono. Qui, inoltre, si produce la mentuccia essiccata, ottima per insaporire le frittate e preparare un liquore locale.

Caldara di Manziana

Caldara di Manziana

Tra boschetti di ontano nero, felce florida (Osmunda regalis) e betulla bianca (Betula pendula) esplodono acque sulfuree bollenti che fuoriescono dalla Caldara di Manziana. Questo monumento naturale è incluso nel Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano.
La Silva Mantiana era il territorio di Manziana consacrato dagli Etruschi al Dio dell’oltretomba Manth (in latino Mantus), da cui prende il nome. Qui, tra il Tirreno e la pianura del Tevere, all’estremità del complesso vulcanico Sabatino, si formano i gayser quando le acque piovane penetrano nel sottosuolo e raggiungono il magma.

Forre di Corchiano

Forre di Corchiano – Foto @mauriziovecchi

Spostiamoci nella Tuscia viterbese per scovare una forra di origine vulcanica a Corchiano. Il borgo è una corolla di vicoletti e piazzette affacciati sulla Forra del Rio Fratta, un affluente del Tevere che nel corso degli anni ha assunto generato un fenomeno unico in Europa. Il monumento naturale Forre di Corchiano è un canyon originato da imponenti eventi vulcanici. La zona alterna meravigliosamente bellezze naturalistiche e importanti testimonianze del passato: cavernette preistoriche, tombe, vie cave falische, resti romani e un tratto della via Amerina.

Bosco del Sasseto - Mausoleo Cahen

Bosco del Sasseto – Mausoleo Cahen

Raggiungiamo Acquapendente dove sboccia il Bosco monumentale del Sasseto. Roveri, cerri, faggi e agrifogli, cedono il passo ai massi vellutati avvolti da verdi muschi e alle felci arruffate che contornano i sentieri. Dai rami attorcigliati si scorgono le merlature del castello Monaldeschi. Nel cuore della foresta si annida una vera “chicca”. È il piccolo mausoleo in stile neogotico del marchese Cahen che, a fine ‘800, amò a tal punto questo luogo selvaggio da renderlo accessibile ed eleggerlo sua ultima dimora.

Eremo di S.Cataldo - Cottanello

Eremo di S.Cataldo – Cottanello

Raggiungiamo la Sabina per vedere l’Eremo di San Cataldo a Cottanello. Questo monumento naturale è incastonato tra le pieghe della roccia granitica della montagna, con i tre archi e i due piccoli campanili mimetizzati nel paesaggio. La leggenda racconta che fori, piccole conche e fessure nelle rocce che vanno dall’eremo al sottostante torrente, siano state prodotte da gomiti, ginocchia e piedi di San Cataldo. Ogni mattina scendeva al torrente mentre la roccia si faceva molle per favorire l’andirivieni del Santo.

Eremo di San Cataldo foto www.comune.cottanello.ri.it

L’Eremo di San Cataldo conserva quello che è ritenuto l’affresco più antico di tutta la Sabina. Risale all’XI o XII secolo, come dimostra lo stile bizantino del Cristo seduto su un trono gemmato tra i dodici apostoli. Il Cristo ha sulla gamba destra un Tau, con grande probabilità opera di San Francesco che volle lasciare una traccia del suo passaggio in questo eremo tra il 1217 e il 1223.

Tempio di Giove Anxur - Terracina

Tempio di Giove Anxur a Terracina

Dal sacro al profano, il passo ci porta a Terracina per ammirare il Giove “fanciullo”, o Juppiter Anxurus, sul Monte S. Angelo. Questo monumento naturale fu costruito in età sillana attorno all’80 a.C. al termine della guerra civile vinta da Silla contro Mario nell’82 aC.

Monte S. Angelo con il Tempio di Giove Anxur

Il Tempio di Giove Anxur è la struttura più imponente della ricca area archeologica. Qui sono ancora visibili le mura tardo-repubblicane interrotte da nove torri circolari, i resti di un santuario e degli insediamenti militari, di un tempio più piccolo dedicato alla Dea Feronia e del monastero di S. Michele Arcangelo. Quello che vediamo oggi sul terrazzamento inferiore del monte è in realtà solo la sostruzione del tempio costituita da dodici arcate a cui sono collegati gli ambienti coperti da volte a botte.

Nell’area del Monumento Naturale sono inclusi anche 23 ettari del Monte S. Angelo, gran parte dei quali riconosciuti come Sito d’Interesse Comunitario. Qui, tra la vegetazione tipica mediterranea spiccano diverse specie di orchidee spontanee e il fiordaliso delle scogliere, all’ombra delle ali degli uccelli migratori come il falco pellegrino e il corvo imperiale.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

8 marzo e Giulia Farnese, la Bella della Tuscia

Giulia Farnese, la Bella, muore il 23 marzo 1524. Dopo 500 anni, scopriamone storia e aneddoti inattesi nella Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo.