Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le sue regole, riscattavano le loro malefatte in nome di una “giustizia sociale”, a volte solo apparente. Per seguirne le orme, anche se fittizie, i luoghi, le azioni, la vita, è nato nel 2002 il “Sentiero dei briganti” della Comunità Montana dell’Alta Tuscia Laziale, un viaggio alla scoperta della natura, delle tradizioni e dei luoghi fuori dalle rotte turistiche tradizionali. Ogni brigante era legato a questa terra e ai suoi borghi per cui, a cura del CAI sezione di Viterbo, si è proceduto ad una nuova mappatura dei sentieri che essi attraversavano, in un accavallarsi di mito, storia, fantasia e buon cibo, che fortunatamente non manca mai.

Torre Alfina – Acquapendente

Il primo bandito di una lunga serie è Luciano Fioravanti. Nato ad Acquapendente e nipote d’arte, abbandonò ben presto la famiglia per darsi alla macchia. L’itinerario che accompagna i crimini di questo bandito, si estende dalla città natale, con annesse le frazioni di Torre Alfina e Trevinano, il borgo di Proceno e la frazione di Centeno, comprende la Riserva Naturale Monte Rufeno, un’area protetta che permette di ammirare le risorse forestali e vegetazionali del territorio e la Casa delle tradizioni contadine, un centro storico di documentazione attestante gli ambienti e le atmosfere di questi luoghi prima della seconda metà del Novecento.

Ultimo tra i fuorilegge della Tuscia, Fortunato Ansuini, non godette di una buona fama neppure tra i propri simili tanta la ferocia e brutalità delle sue azioni. Umbro di origine si rifugiò in Maremma dopo una evasione rocambolesca dal carcere di Roma, vessando i locali alla ricerca di armi, munizioni e danaro. Dopo anni di rapine ed espoliazioni, di lui non si seppe più nulla, perdendosene le tracce in quella coltre boschiva che lo aveva sempre protetto negli anni di clandestinità. Onano, Grotte di Castro, Gradoli e San Lorenzo Nuovo sono i centri abitati lambiti da questo tratto di sentiero indicato con un’adeguata segnaletica di riferimento.

Grotte di Castro – Tombe etrusche

Compagno di ribalde di Fortunato Ansuini fu Damiano Menichetti, nativo di Tuscania, da dove ben presto si allontanò in cerca di fortuna per poi abbracciare una vita di scelleratezze e atrocità. Dopo aver tiranneggiato in lungo e in largo il viterbese, fu arrestato nella macchia di San Magno vicino Gradoli per perire, in seguito, nel bagno penale di Civitavecchia. Questo è cammino denso di scorci naturalistici mozzafiato tra i borghi di Latera e Valentano con un’unica digressione: il Lago di Mezzano, piccolo specchio lacustre, avvolto nel silenzio, frequentato da una fauna sia selvatica che domestica.

Lago di Mezzano

Fra tutti i banditi, forse, il più conosciuto è Domenico Tiburzi di Cellere. Proveniente da una famiglia molto povera, come del resto la maggior parte dei suoi compari, si distinse ben presto per le proprie “gesta di onestà”, poiché subordinate ad una sorta di codice d’onore che imponeva di rubare ai ricchi per dare ai poveri, di opporsi alla violenza gratuita, di essere fedele agli amici, di rispettare i signori del luogo e per ultimo di opporsi all’uccisione dei carabinieri considerati vittime del sistema. Sulla sua morte e sepoltura aleggia ancora oggi una coltre di mistero, parzialmente fugata dall’unica foto giunta fino a noi che lo ritrae in piedi, anche se già morto, bardato di tutto punto. In un prossimo futuro i percorsi sui luoghi della sua latitanza quali Farnese, Ischia di Castro, Cellere e Canino, saranno oggetto di un lavoro di riattualizzazione e fruibilità.

Sant'Egidio di Cellere

Sant’Egidio di Cellere

Per concludere questo breve excursus sui briganti e i loro sentieri, ci piace immaginare che alcuni prodotti tipici di queste terre come l’aglio rosso, il farro del pungolo, le lenticchie, le patate, i fagioli, il coregone, i marroni, i ceci oltre ad una serie di vini bianchi e rossi, fossero ben noti e graditi dai protagonisti di queste vicende, così come noi ora ne apprezziamo le qualità nutritive e organolettiche.

Un’esperienza sicuramente da compiere per conoscere quella parte impervia e nascosta della nostra storia e del nostro antico vissuto. Buona avventura!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

I Pugnaloni, i quadri fioriti di Acquapendente

Nella terza domenica di maggio ad Acquapendente c’è la festa della Madonna del Fiore con la sfilata dei Pugnaloni, enormi quadri di petali di fiori e foglie.

Il Pantheon e i petali rossi alla Pentecoste

Dall’oculus sulla cupola del Pantheon scendono migliaia di petali di rose rosse alla Pentecoste. Il 19 maggio 2024 alle ore 12:00 inizia lo spettacolo.

Un cuore di fragola dolce come la Mamma

Maggio, tempo di fragole alla Festa della Mamma. Tingiamolo di rosso con una passeggiata enogastronomica alla scoperta del cuore di fragola dolce come la Mamma!

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Fiori e farfalle per Mamma in 7 posti nel Lazio

Il 12 maggio è la Festa della Mamma! Ecco 7 posti nel Lazio dipinti dalla leggiadria di fiori e farfalle da vivere con la donna più speciale della vita.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

Scogliera, dinosauri e cosmo a Rocca di Cave?

A Rocca di Cave esiste un’escursione sulle tracce di un dinosauroper scoprire la storia millenaria del territorio. E la scogliera e il cosmo? Ecco la storia.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.