Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le sue regole, riscattavano le loro malefatte in nome di una “giustizia sociale” a volte solo apparente.

Per seguirne le orme, anche se fittizie, i luoghi, le azioni, la vita, è nato nel 2002 il “Sentiero dei briganti” della Comunità Montana dell’Alta Tuscia Laziale, un viaggio alla scoperta della natura, delle tradizioni e dei luoghi fuori dalle rotte turistiche tradizionali. Ogni brigante era legato a questa terra e ai suoi borghi per cui, a cura del CAI sezione di Viterbo, si è proceduto ad una nuova mappatura dei sentieri che essi attraversavano, in un accavallarsi di mito, storia, fantasia e buon cibo, che fortunatamente non manca mai.

Torre Alfina – Acquapendente

Il primo bandito di una lunga serie è Luciano Fioravanti. Nato ad Acquapendente e nipote d’arte, abbandonò ben presto la famiglia per darsi alla macchia. L’itinerario che accompagna i crimini di questo bandito, si estende dalla città natale, con annesse le frazioni di Torre Alfina e Trevinano, il borgo di Proceno e la frazione di Centeno, comprende la Riserva Naturale Monte Rufeno, un’area protetta che permette di ammirare le risorse forestali e vegetazionali del territorio e la Casa delle tradizioni contadine, un centro storico di documentazione attestante gli ambienti e le atmosfere di questi luoghi prima della seconda metà del Novecento.

Ultimo tra i fuorilegge della Tuscia, Fortunato Ansuini, non godette di una buona fama neppure tra i propri simili tanta la ferocia e brutalità delle sue azioni. Umbro di origine si rifugiò in Maremma dopo una evasione rocambolesca dal carcere di Roma, vessando i locali alla ricerca di armi, munizioni e danaro. Dopo anni di rapine ed espoliazioni, di lui non si seppe più nulla, perdendosene le tracce in quella coltre boschiva che lo aveva sempre protetto negli anni di clandestinità. Onano, Grotte di Castro, Gradoli e San Lorenzo sono i centri abitati lambiti da questo tratto di sentiero opportunamente indicato attraverso un’adeguata segnaletica di riferimento.

Grotte di Castro – Tombe etrusche

Compagno di ribalde di Fortunato Ansuini fu Damiano Menichetti, nativo di Tuscania, da dove ben presto si allontanò in cerca di fortuna per poi abbracciare una vita di scelleratezze e atrocità. Dopo aver tiranneggiato in lungo e in largo il viterbese, fu arrestato nella macchia di San Magno vicino Gradoli per perire, in seguito, nel bagno penale di Civitavecchia. Questo è cammino denso di scorci naturalistici mozzafiato tra i borghi di Latera e Valentano con un’unica digressione: il Lago di Mezzano, piccolo specchio lacustre, avvolto nel silenzio, frequentato da una fauna sia selvatica che domestica.

Lago di Mezzano

Fra tutti i banditi, forse, il più conosciuto è Domenico Tiburzi di Cellere. Proveniente da una famiglia molto povera, come del resto la maggior parte dei suoi compari, si distinse ben presto per le proprie “gesta di onestà”, poiché subordinate ad una sorta di codice d’onore che imponeva di rubare ai ricchi per dare ai poveri, di opporsi alla violenza gratuita, di essere fedele agli amici, di rispettare i signori del luogo e per ultimo di opporsi all’uccisione dei carabinieri considerati vittime del sistema. Sulla sua morte e sepoltura aleggia ancora oggi una coltre di mistero, parzialmente fugata dall’unica foto giunta fino a noi che lo ritrae in piedi, anche se già morto, bardato di tutto punto. In un prossimo futuro i percorsi sui luoghi della sua latitanza quali Farnese, Ischia di Castro, Cellere e Canino, saranno oggetto di un lavoro di riattualizzazione e fruibilità.

Sant'Egidio di Cellere

Sant’Egidio di Cellere

Per concludere questo breve excursus sui briganti e i loro sentieri, ci piace immaginare che alcuni prodotti tipici di queste terre come l’aglio rosso, il farro del pungolo, le lenticchie, le patate, i fagioli, il coregone, i marroni, i ceci oltre ad una serie di vini bianchi e rossi, fossero ben noti e graditi dai protagonisti di queste vicende, così come noi ora ne apprezziamo le qualità nutritive ed organolettiche.

Un’esperienza sicuramente da compiere, se si vuole conoscere quella parte impervia e nascosta della nostra storia e del nostro antico vissuto.

Buona avventura!

INFORMAZIONI
Sito web: http://sentierobriganti.altatuscia.vt.it/

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...

3 Paesi dei Balocchi nel Lazio

La parola “museo” fa sussultare i bambini soprattutto a settembre, quando inizia la scuola! Ne abbiamo scelti 3 molto speciali, 3 “Paesi dei Balocchi” nel Lazio che sanno stupire i piccoli e far tornare bambini i grandi. Non tutti sanno che nel Palazzo Rospigliosi a...