Lazio sotterraneo: Grotte di Val de’ Varri, cuore pulsante del Cicolano

In questo momento particolare si sente ancora più forte il desiderio di evasione, di assaporare la libertà in una natura incontaminata e meravigliosa dai connotati selvaggi e dai colori cangianti. Parliamo di luoghi come il Cicolano, terra di profumi e aromi intensi, dove troviamo il grazioso borgo di Pescorocchiano con la sua terrazza sul Lago del Salto e a pochi minuti uno dei principali inghiottitoi dei monti Carseolani.

Le grotte di Val de’ Varri, esplorate per la prima volta nel 1929, sono state aperte al pubblico nel 2003 e hanno uno sviluppo sotterraneo di 1800 metri lungo i quali scorre un corso d’acqua.

Arrivando alle grotte il visitatore troverà un ampio parcheggio con una zona abilitata alla sosta ed alla formazione di gruppi. Successivamente un accompagnatore li guiderà lungo un percorso didattico illustrato da nove pannelli educativi, ricchi di informazioni utili per una migliore interpretazione del bene ambientale. Il percorso costeggia il letto del Rio Varri a destra e il vecchio mulino a sinistra e conduce all’ingresso della grotta costituita da due rami principali. Qui le acque del Rio Varri attraversano la forra, formando una bellissima cascata di 20 m. e scompaiono tra le rocce. Si scorge subito l’ampio androne del ramo sinistro al di sopra del quale strapiomba una parete calcarea per circa 30 m.

Dopo aver percorso la forra d’ingresso, particolarmente suggestiva d’inverno, l’itinerario turistico prevede la visita del ramo sinistro (attivo), fino ai resti archeologici che testimoniano la presenza dell’uomo Appenninico della media età del bronzo, e successivamente il ramo destro (fossile) fino al “Salone della Confluenza” formato dal lento e millenario lavoro dell’acqua con numerose concrezioni che hanno dato luogo al gioco fantastico di stalattiti e stalagmiti. Lo spettacolo è arricchito dalla scenografia di corsi d’acqua che si aprono come a formare piccoli specchi e rallegrano l’animo di grandi e piccini.

Oltre al percorso turistico è possibile cimentarsi in un percorso speleologico. La visita è riservata alle persone in buona salute, anche se non particolarmente allenate. I visitatori verranno equipaggiati con un casco speleo con lampada e, accompagnati da due guide speleologiche, seguiranno un percorso che dal “Salone della Confluenza” procede lungo il tracciato dell’acqua.

Rilevante importanza assume la presenza della colonia di chirotteri all’interno della grotta. Gli esperti hanno rilevato la presenza di almeno cinque specie di pipistrelli e tra queste due in via d’estinzione.

Quale miglior modo di concludere l’escursione se non assaggiando i piatti della tradizione a base di funghi, tartufi, lenticchie di Rascino e paste tirate a mano in uno dei locali della zona!?

Per ulteriori Informazioni:

Comune di Pescorocchiano
http://www.comune.pescorocchiano.rieti.it/

Grotte di Val de’ Varri
Località Val de’ Varri
O2024 Pescorocchiano
Whatsapp: 3280264604
info@grottevaldevarri.it
Sito Web: http://www.grottevaldevarri.it

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...