È Carnevale, quel periodo dell’anno in cui possiamo diventare una principessa, un personaggio famoso o un supereroe! E se cercate qualcosa di ancor più curioso, andate ai Carnevali Storici italiani per rivivere la storia e le storie di 48 borghi e città d’Italia selezionati e sostenuti dalla Direzione Generale Spettacolo del Ministero della Cultura. Ecco le storie dei 4 Carnevali Storici d’Italia nel Lazio nei 4 luoghi che li ospitano in Ciociaria e nella Tuscia Viterbese.

Carnevale Storico di Pontecorvo - www.comunepontecorvo.fr.it

Carnevale Storico di Pontecorvo – www.comunepontecorvo.fr.it

Massera me so’ fatte ‘na magnata
cu ‘ sagne, la frionza i gli squagliozze,
me so ‘ saziate, po’, cu ‘n’ abbuffata
de pigne, tesechèlle i maritozze

Così inizia il canto popolare con il Menù di Carnevale di Pontecorvo in rime dialettali. Il Carnevale Storico di Pontecorvo nasce nel 1952. Si narra che alcuni pontecorvesi fossero in visita a Napoli e comprarono Alicandro, un gigantesco elefante di cartapesta. Alicandro fu il protagonista della prima sfilata allegorica in via XXIV Maggio.

Chi è Mazzamavere? Al Carnevale Storico di Pontecorvo si rievoca la risalita del fiume Liri da parte dei Saraceni. Gli abitanti si difesero al grido di “ammazza i Mori”, da cui deriva Mazzamavere. Fu così che Mazzamavere divenne la maschera storica, vestita di un lenzuolo e con il volto tinto di nero.
Nel 1979 si aggiunse la Principessa. Questo personaggio fa rivivere i fasti delle grandi serate da ballo degli anni 70 che terminavano con l’elezione di una “Reginetta della Festa”. Alla sfilata, la Principessa era trasportata su un risciò, accompagnata dalla Corte e da Sua Maestà Re Carnevale. Era così importante che il Sindaco le consegnava le chiavi della città di Pontecorvo. Oggi Mazzamavere e Principessa sono affiancati da Burlicchio.

Carnevale Storico di Pontecorvo

Carnevale Storico di Pontecorvo

E chi è Burlicchio? Burlicchio è la maschera ufficiale del Carnevale Storico di Pontecorvo da circa 10 anni. È vestito da Arlecchino, con il naso di Pinocchio e in mano un manganello. I tanti colori dell’abito di Burlicchio sono ripresi anche nei tipici rivestimenti di “carta sovrapposta” dei carri allegorici.

Il Carnevale Storico di Pontecorvo 2024 si svolge dall’8 all’11 febbraio 2024.

Carnevale Storico e Festa della Radeca a Frosinone - Facebook @RioneGiardino

Carnevale Storico e Festa della Radeca a Frosinone – Facebook @RioneGiardino

Carnuale è ‘ne bon’ ome: / tè la faccia de galantome,
uà gerenne pe’ Frusenone / pe’ magnasse gli maccarune.
Nui che seme urtulane /i sapeme bene culteuà,
piantereme la rauanella / viva sempre la radechella!
Essegliè, essegliè, essegliè!

Così la Canzone de Carnuale racconta in dialetto la Festa della Radeca, il culmine del Carnevale Storico di Frosinone. A questa festa più tradizionale si sono aggiunte nei secoli la sfilata di carri allegorici e il corteo in costume.

Perché si chiama Festa della Radeca? Il Carnevale Storico di Frosinone inizia la domenica che precede il Giovedì Grasso. La “radeca”, ovvero la foglia verde di agave in dialetto frusinate, è consegnata al Sindaco. Il primo cittadino la mostra alla città dal punto più alto, il Campanile. Il momento clou è la Festa della Radeca del Martedì Grasso. È la fine del Carnevale e la folla si dedica al goliardico rito della “ràdeca” toccando la testa con l’agave come augurio di prosperità. L’origine della festa risale agli antichi riti di fertilità e purificazione, fine e inizio di un ciclo che culmina con il rogo di Re Carnevale, il Generale Championnet.

Carnevale Storico di Frosinone e Festa della Radeca - Facebook @RioneGiardino

Carnevale Storico di Frosinone e Festa della Radeca – Facebook @RioneGiardino

Chi è il Generale Championnet? Il fantoccio del Re Carnevale ricorda il generale francese Championnet, capo dei gendarmi francesi che governarono il territorio. La Festa della Radeca rievoca a Frosinone la storia dell’invasione francese nel periodo napoleonico, l’eroica rivolta dei frusinati contro le truppe francesi tra il 1798 e il 1799 e il processo al generale francese Jean Antoine Etienne Vachier, detto Championnet. Al rito propiziatorio si è dunque intrecciata la rievocazione di un fatto storico.

I Fini Fini al sugo di recaglie

I Fini Fini al sugo di recaglie

Il Generale partecipò ai festeggiamenti del Carnevale di Frosinone e assaggiò i “fini fini”, i maccheroni alla ciociara con le recaglie. Da allora, la Festa della Radeca inizia dopo il pranzo del Martedì Grasso a base di “maccarune”. Dal Rione Giardino parte il corteo con il grande fantoccio di cartapesta vestito da Championnet. Satollo e sbronzo, è portato in trionfo sul carro trainato da quattro cavalli. In processione sfilano nell’ordine il carretto con la botte di vino e poi i Radicari che, sazi di fini fini e vino rosso, ballano il Saltarello alzando l’agave al cielo al ritmo della “Canzone de Carnuale”. A seguire sfilano i rappresentanti del Comune con il gonfalone della città, la banda musicale. A chiudere la sfilata c’è il carro con il generale Championnet. Partecipano alla sfilata anche i carri di altre località della Ciociaria.

Carnevale Storico di Frosinone e Festa della Radeca - Pro Loco Frosinone

Carnevale Storico di Frosinone e Festa della Radeca – Pro Loco Frosinone

Perché al corteo è obbligatorio brandire la “radeca”? La foglia di agave deve essere brandita in alto dal popolo per scacciare e distruggere il male, rappresentato dal fantoccio. Dopo la farsa di un Processo, il Generale è condannato a morte dal Notaro e “abbruciato” nel Rione Giardino. Dopo la lettura del testamento del Generale si mangiano i fini fini e, in ultimo, le chiavi della Città di Frosinone sono riconsegnate al Sindaco.

Il Carnevale Storico di Frosinone 2024 si svolge dal 4 al 13 febbraio.

Carnevale Storico di Ronciglione - foto di Domenico Mancini

Carnevale Storico di Ronciglione – foto di Domenico Mancini

Raggiungiamo la Tuscia Viterbese per scoprire il Carnevale Storico di Ronciglione, uno dei più antichi e fra i primi 10 in tutta Italia. Tante le tradizioni che si susseguono a Ronciglione ai grandi Corsi di Gala, come la Parata degli Ussari e dei Nasi Rossi.

Il Carnevale di Ronciglione inizia ufficialmente il Giovedì Grasso al suono del Campanone sopra il Municipio che annuncia l’arrivo di Re Carnevale. Il Sindaco gli consegna le chiavi della città di Ronciglione. La cerimonia prosegue con la sfilata dei carri allegorici, le majorette, i gruppi mascherati, i bambini e il Saltarello, tipico ballo popolare accompagnato dalla storica Banda cittadina “Alceo Cantiani”, nata nel 1835.

Parata degli Ussari al Carnevale Storico di Ronciglione

Parata degli Ussari al Carnevale Storico di Ronciglione

Cosa è la Parata degli Ussari? Il Carnevale Storico di Ronciglione affonda le sue radici nel tradizionale Carnevale Romano rinascimentale e barocco. La parata degli Ussari ricorda infatti la corsa dei cavalli berberi, uno dei momenti topici del Carnevale Romano. Non solo. La leggenda narra che un capitano degli Ussari francese fosse a Ronciglione con l’esercito, in difesa dello Stato Pontificio. Si innamorò di una bella dama ronciglionese e la corteggiò sfilando più volte durante il Carnevale alla testa del suo drappello di soldati a cavallo.

Nasi Rossi al Carnevale Storico di Ronciglione

Nasi Rossi al Carnevale Storico di Ronciglione

Chi sono i Nasi Rossi? La Parata Storica dei Nasi Rossi sfila tradizionalmente il Lunedì Grasso. Sono antiche maschere locali che cantano un inno al vino e offrono a tutti degli ottimi rigatoni al sugo, serviti in pittoreschi vasi da notte di terracotta. Si narra che nel 1900 un ronciglionese un po’ brillo si addormentò su un piatto di rigatoni al ragù ma si risvegliò con il viso in un pitale e il naso rosso, sporco di ragù. Da allora, i Nasi Rossi divennero una delle maschere tipiche della Città di Ronciglione.

Dagli anni 70 – 80, il lunedì è anche il giorno dedicato all’enogastronomia e quindi alle sfilate di Polentari, Tripparoli, Faciolari e Fregnacciari. S’incontrano anche i Saracari con lunghe canne da cui pende la “saraca”, un’odorosa aringa essiccata.

Carnevale Storico di Ronciglione

Carnevale Storico di Ronciglione

Il ricco programma di eventi culmina il Martedì Grasso, con la rappresentazione della Morte di Re Carnevale e l’apertura del suo Testamento. Il Corteo funebre procede con la tradizionale Fiaccolata, accompagnata dalla Compagnia della Penitenza, dalle vedove di Re Carnevale e la Morte con la falce in mano, vestita di nero dall’alto dei suoi trampoli. Anche la Compagnia della Buona Morte, nata nel 2016, accompagna il Funerale di Re Carnevale con il compito di trasportare il globo aerostatico.

Il Carnevale Storico di Ronciglione 2024 si svolge dal 28 gennaio al 13 febbraio.

O' Puccio al Carnevale Storico di Civita Castellana 2024

O’ Puccio al Carnevale Storico di Civita Castellana 2024

Batmao è ‘o Puccio del Carnevale Storico di Civita Castellana nel 2024 al grido di “semo tutti supereroi”. Il fantoccio di cartapesta è il Re Carnevale, ogni anno diverso e ufficializzato con l’investitura alla festa di Sant’Antonio Abate del 17 gennaio.

Rogo di 'O Puccio al Carnevale Storico Civitonico - www.carnevalestoricocivitonico.it

Rogo di ‘O Puccio al Carnevale Storico Civitonico – www.carnevalestoricocivitonico.it

Chi è O’ Puccio? Il Carnevale Civitonico nacque nel 1566 con O’ Puccio, una figura di fantasia, un personaggio che vive di bisbocce e sregolatezza. Già nel 1800 si scriveva del Rogo del Puccio. Il Re del Carnevale muore ed è cremato nel Martedì Grasso, chiudendo follie ed eccessi del Carnevale di Civita Castellana.

I Frittelloni di Civita Castellana

I Frittelloni di Civita Castellana

Perché si mangiano i Frittelloni? Mentre il Re Carnevale O’ Puccio va al rogo, tutti si abbuffano di frittelloni. Il Frittellone è una omelette sottilissima, arrotolata e spolverata di pecorino. Un vero simbolo della tradizione culinaria civitonica.

Le Meduse al Carnevale Storico Civitonico - www.carnevalestoricocivitonico.it

Le Meduse al Carnevale Storico Civitonico – www.carnevalestoricocivitonico.it

Fa da corollario al Carnevale Storico Civitonico La Rustica, la bizzarra Banda cittadina che trasforma gli oggetti più stravaganti in strumenti musicali.
I Gruppi Mascherati sfilano sui carri e si competono il titolo di vincitore assegnato da una giuria di esperti. Ogni carro allegorico è un’opera d’arte artigianale, realizzata da squadre locali di maestri della cartapesta e meccanici. Accanto ai carri marciano maschere singole, in coppia o in gruppo, desiderosi di diventare la migliore dell’anno. I costumi sono creati e realizzati con grande fantasia e impegno dei sarti locali.

Il Carnevale Storico di Civita Castellana 2024 si svolge il 4, l’8, l’11 e il 13 febbraio.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!

Il pastorello di Vitorchiano che salvò Roma

I Musei Capitolini ospitano Lo Spinario, la statua raffigurante Marzio, pastorello di Vitorchiano seduto su una roccia intento a togliersi una spina dal piede.

Luoghi nel Lazio della Seconda Guerra Mondiale

Viaggiamo nel tempo alla scoperta dei luoghi della Seconda Guerra Mondiale nel Lazio, lentamente i borghi e la natura vi racconteranno le emozioni del tempo.