Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall’arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i contrasti con il cielo azzurro diventano più marcati.

Prepariamo la nostra attrezzatura fotografica e scopriamo insieme le 5 mete del foliage in Ciociaria, destinazioni assolutamente da non perdere se volete catturare il vostro scatto perfetto o semplicemente ammirare i colori dell’autunno!

Boschi di faggi e cascate d’acqua creano un connubio di bellezza. Siamo nella Val Canneto nel comune di Settefrati dove, risalendo il sentiero sterrato che conduce al rifugio dell’Acqua Nera, scopriamo numerosi luoghi dove posizionare la nostra fotocamera.

Partendo presto la mattina e inoltrandosi nella foresta silenziosa, la rugiada aggiunge quel tocco in più per far brillare i nostri scatti. Ragnatele in controluce su mosaici di foglie, funghi e tappeti dalle mille sfumature e dai colori variegati, saranno l’ispirazione per concludere la giornata con un ricco bottino di immagini!

In lontananza sulle montagne circostanti, strani richiami ci ricordano che questo è il periodo degli amori per i cervi, inoltrandosi sulle cime più alte e con un buono zoom non è difficile immortalare esemplari maschi con imponenti palchi intenti a pascolare nei prati.
Al ritorno una visita al Santuario della Madonna di Canneto e al laghetto sottostante è d’obbligo!

I boschi di faggi in questo periodo ricchi di funghi, sono l’occasione migliore per degustare qualche buon piatto tradizionale e allungare la permanenza in Ciociaria decidendo, l’indomani mattina, di avventurarsi con la Reflex presso , località a confine con il vicino Abruzzo.
La strada che conduce a Forca d’Acero è tutta in salita e il cambio della temperatura si percepisce sensibilmente.

Il sottobosco ricco di foglie, il sole che fa capolino tra le fronde smosse dalla leggera brezza mattutina, il contrasto forte dell’asfalto umido e nero che sembra scorrere come un fiume fra immensi alberi, donano numerosi spunti per scatti fotografici indimenticabili.
Se oltre alla fotografia naturalistica siete amanti del buon vino, fra le mete che non potete perdervi c’è la Certosa di Trisulti, a pochi minuti dal borgo di Piglio.

La certosa è un luogo veramente magico. Diversi sentieri e percorsi religiosi conducono a piccoli luoghi di preghiera nascosti nel bosco come l’Eremo della Madonna delle Cese, incastonato nella Roccia calcarea e contornato da faggete secolari.

Nel Comune di Veroli il foliage si chiama Prato di Campoli, una vallata verdeggiante fa da contrasto a boschi dai colori variegati, un manto dalle tonalità cromatiche intense che svela tutta la bellezza dei Monti Ernici.

C’è poco da dire, qui il grandangolo è d’obbligo se si intende catturare tanta bellezza in uno scatto da veri fotografi di paesaggio. E, se amate la fotografia macro, anche addentrarsi nella faggeta può regalarci piccole e grandi sorprese.

Al rientro il centro storico di Veroli può essere il luogo dove decidere di passare una splendida serata, il borgo è veramente accogliente e non è difficile trovare una comoda sistemazione per allungare la nostra visita di un ulteriore giorno.

La prossima meta sarà il castagneto secolare di Terelle nella bassa Ciociaria. Ricci e castagne, strani nodi sugli alberi e foglie che stentano a cadere quasi come se volessero sfidare la forza di gravità, sono il “passatempo” preferito degli scoiattoli intenti a fare provviste per la stagione fredda.
Stargli dietro può essere davvero difficile, come al solito si dovrà ricorrere alla pazienza, adottando qualche furbo escamotage per evitare di dar troppo fastidio a questi piccoli e schivi roditori, che al contempo sono capaci di sorprenderti a pochi metri di distanza, con peripezie degne dei migliori funanboli.

L’autunno è ormai arrivato è tempo di partire a caccia dei nostri soggetti da immortalare!

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...

3 Paesi dei Balocchi nel Lazio

La parola “museo” fa sussultare i bambini soprattutto a settembre, quando inizia la scuola! Ne abbiamo scelti 3 molto speciali, 3 “Paesi dei Balocchi” nel Lazio che sanno stupire i piccoli e far tornare bambini i grandi. Non tutti sanno che nel Palazzo Rospigliosi a...