Tipico borgo di montagna, il più alto della provincia di Roma e il secondo della Regione, dopo Filettino, Cervara di Roma si trova a circa un’ora e un quarto dalla Capitale. Gode di una magnifica posizione panoramica, circondato com’è da lussureggianti prati e faggeti.

Da sempre è meta prediletta di villeggiatura per numerosi artisti che qui hanno organizzato mostre ed eventi rendendo celebre questa località. Di origini antiche, il borgo è nato intorno alla Rocca più volte ricostruita e divenuta, nel 1052, di proprietà del Monastero di Santa Scolastica di Subiaco. Passò successivamente sotto il controllo della Santa Sede e quella dei nobili Monaldeschi finché non entrò a far parte definitivamente dello Stato Pontificio. La Rocca, di cui si vedono resti imponenti, è stata riedificata da Pompeo Colonna, abate di Subiaco, nel 1513.

Da non perdere la Chiesa parrocchiale, con le tipiche arcate medievali, la Collegiata di Santa Elisabetta e San Felice e la Rocca, il Museo della Montagna: Transumanti e “Pitturi”, l’Osservatorio astronomico.

Oltre al centro storico di impianto medievale, a Cervara di Roma si possono ammirare le tante sculture e i murales che ornano le vie e le piazze del piccolo borgo, donati da artisti di tutto il mondo come riconoscimento per la bella ospitalità ricevuta.

Cervara è caratterizzata dalla tipica gastronomia laziale di montagna, nata da un’economia prettamente agro-pastorale. Quindi carni, salumi, formaggi, legumi, verdure, pane fatto in casa e dolci tipici per ogni evento o festività dell’anno.

Tra le specialità culinarie: fettuccine al tartufo, ai funghi porcini, al castrato; gnocchi; polenta; strozzapreti; carne alla brace; pecorino e ricotte di produzione locale.

Cervara di Roma è la porta d’ingresso per il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini, che con i suoi 30.000 ettari rappresenta la più grande area protetta del Lazio ed è il luogo ideale per gli amanti dell’outdoor, equitazione, mountain biking ed escursionismo sono solo alcune delle attività che si possono praticare. A Campaegli nella stagione invernale è possibile fare sleddog e sci da fondo.

INFO UTILI
distanza da Roma 70 km
da non perdere Chiesa Parrocchiale
sito web Comune di Cervara di Roma

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...