Quando la primavera si avvicina e la natura rifiorisce siamo tutti entusiasti ed invogliati ad intraprendere un affascinante itinerario attraverso i giardini e le aree verdi che la nostra regione ospita. Giardini talvolta poco conosciuti, che un tempo abbellivano le nobili dimore, ricche di storia ed arte.

Dalla Tuscia alla Sabina, dal Lazio Meridionale al territorio di Roma, passando per il Pontino, per gli appassionati si snoda un suggestivo percorso attraverso cespugli, alberi, fiori e talvolta piccoli corsi d’acqua, cornice perfetta per un week-end tra i profumi ed i colori che la natura sa regalarci.

Tra i verdi boschi che circondano il monte Rotonaria, sui monti Ernici, la Certosa di Trisulti a Collepardo, in provincia di Frosinone, nasconde al suo interno il giardino all’italiana, con siepi ed aiuole ricche di composizioni floreali.

Giardini della Certosa di Trisulti

Giardini della Certosa di Trisulti

Il complesso monastico ospita anche una farmacia che ben rappresenta la secolare tradizione nella preparazione di medicinali, ungenti e liquori.

Collepardo, borgo insignito della Bandiera Arancione del Touring, per la ricchezza di piante officinali spontanee è noto come “il Paese delle erbe”, sede dell’Ecomuseo ‘Orto del Centauro Chirone’, a testimonianza che il centauro Chirone, maestro di Esculapio, dio della medicina, si curò una grave ferita con le erbe raccolte in questa terra.
Per godere di una splendida vista sull’Agro Pontino basta andare a Sermoneta e visitare il Giardino degli Aranci, il polmone verde del centro storico.

Originariamente era il “pomerio” del borgo, ossia un’area inedificabile usata dall’esercito per la difesa di una delle porte, soltanto nel settecento venne trasformato in un giardino dove si cominciarono a piantare aranci e ogni tipo di agrumi.

Per la suggestione e l’atmosfera romantica che si respira oggi è ampiamente utilizzato per eventi e celebrazione di matrimoni civili.

Tra gli scorci più interessanti, il Castello Caetani che domina la collinetta e la Chiesa di S. Maria con il suo bel campanile dalle decorazioni e colonnine in stile romanico.

Giardini della Landriana - Tor San Lorenzo

Giardini della Landriana – Tor San Lorenzo

Ed eccoci sul litorale laziale ad Ardea in località Tor San Lorenzo dove troviamo i Giardini della Landriana, un giardino incantato e moderno. Nato quasi per caso dalla passione della marchesa Lavinia Taverna e ridisegnato da Russell Page, il famoso architetto paesaggista inglese.

Appare diviso in “stanze” ognuna delle quali con una caratteristica botanica come la valle delle rose antiche con il lago, il giardino degli aranci, il viale bianco, il giardino degli ulivi, il prato blu, la vasca spagnola e molte altre da scoprire durante una piacevole visita guidata o partecipando ad una delle attività proposte.

Nel cuore della Sabina, il Vacunae Rosae della tenuta La Tacita, che si trova poco fuori dal borgo medievale di Roccantica è un giardino unico che ospita oltre 5.000 rose diverse, progettato come un percorso per l’elevazione dello spirito.

Tenuta La Tacita

Tenuta La Tacita Foto @ValentinaJacopo

E’ uno dei più importanti roseti al mondo per varietà, vi si trovano le rose della Cina e dell’Himalaya, le furie rosacee dell’Ottocento, le splendide ibridazioni del Novecento e tutte le magie dei creatori di rose di oggi.
Al suo interno sono collocate nove fontane, poste su livelli diversi e collegate tra loro da canali d’acque. Ciascuna fontana è datata di getti di acqua particolari e da un’illuminazione a fibre ottiche che rende le notti nel giardino particolarmente suggestive.

Adagiato su un’area naturale a forma di ala di angelo, potrebbe essere chiamato anche “Il giardino dei 5 sensi”: i profumi delle rose (l’odore), il velluto dei petali (il tatto), il suono degli uccelli e dell’acqua (l’udito), i colori delle rose (la vista) e il gusto dei sapori tradizionali, ne fanno una location esclusiva per eventi privati.

Orto Botanico "Angelo Rambelli" - Viterbo

Orto Botanico “Angelo Rambelli” – Viterbo – Foto @RadioTusciaEvent

Continuiamo questo viaggio entrando nelle terre di Tuscia, dove l’Orto Botanico Angelo Rambelli di Viterbo, custodisce piante rare ed esotiche nonché un roseto con oltre duecento esemplari di rosa appartenenti a differenti sezioni. Completano la gamma un palmeto e l’allestimento di uno spazio dedicata alle “Piante utili”, che prende spunto dall’importanza rivestita dalla lavorazione del tessile nell’economia del viterbese fino alla fine del XIX secolo: fanno parte della raccolta anche la coltivazione di piante utilizzate in profumeria come la spugna vegetale e la magnolia. Alternanza di ambienti ed ecosistemi così diversi rendono questo sito un unicum nell’intera provincia.

Percorsa ancora un po’ di strada si giunge a Vignanello, dove troneggia, nella parte più orientale dell’antico borgo, il Castello Ruspoli, adorno di uno dei più importanti giardini all’italiana ancora esistenti.
Il giardino fu costruito nel 1610 per volere di Ottavia Orsini figlia di Giulia Farnese e dell’artefice del suggestivo parco di Bomarzo, il principe Pier Francesco Orsini.

Giardini del Castello Ruspoli - Vignanello

Giardini del Castello Ruspoli – Vignanello – Foto @castelloruspoli.com

E’ interessante notare come il viterbese vanti la più alta concentrazione mondiale di giardini storici che qui raggiungono la massima espressione, divenendo esempio di eleganza e di armonia tra i più celebrati del mondo.

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in un'atmosfera mistica, immerso una natura selvaggia, troviamo Farfa, due sillabe, un piccolo borgo, un grande nome che le viene dal fiume che scorre vicino, il Farfarus di Ovidio, il Fabaris di...

La bella Viterbo e la magia del suo “Villaggio di Natale”

Si immagini il grande orologio dipinto su Torre dei Priori a Viterbo, affacciato su Piazza del Plebiscito, con i suoi numeri arabi, lentamente scandire le ore, i giorni, i mesi … E’ trascorso un intero anno, 365 giorni per l’esattezza, senza che per l’aria si...

La Tuscia del Sentiero dei Briganti

Se l’Italia è “terra di santi, poeti, navigatori”, il Lazio è la patria dei briganti, uomini temuti ma anche acclamati dalla popolazione quanto disprezzati da nobili e “sbirri”. Personalità controverse, a volte indecifrabili, che sfuggendo alla legge ed eludendo le...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, circondato da faggi, castagneti e boschi di querce, Picinisco da oggi offre un motivo in più per essere visitato. Il piccolo borgo della Valle di Comino ha avuto il...

Autunno. È tempo di foliage

Ad ottobre per gli amanti della natura e della fotografia inizia uno dei periodi più magici. Le foglie degli alberi cambiano colore, i boschi assumono una nuova veste con intonazioni cromatiche che vanno dall'arancione dorato al rosso intenso, l’aria è più fresca e i...

Immersi nei laghi del Lazio

Negli ultimi anni il sorgere di un turismo slow ed esperienziale ha prodotto un cambiamento nel concetto stesso di viaggio, rivolto ora verso destinazioni ricche di cultura, buon cibo e soprattutto tanto, tanto relax. Ecco allora prediligere i laghi del Lazio dove...

Le calde sfumature della Sabina

In autunno, quando la natura si tinge delle mille sfumature calde che vanno dal rosso, al giallo, al marrone, tanti prodotti tipici stagionali appaiono sulle tavole dei borghi reatini e spesso vengono celebrati in famose sagre. Il borgo dove si incontrano il Cammino...

Percile il piccolo borgo tra boschi e radure dei Monti Lucretili

Una meta ideale per le tiepide giornate autunnali è il piccolissimo borgo di Percile, gioiello immerso tra boschi e radure del Parco dei Monti Lucretili, dove si respira ancora un’atmosfera medievale ed il tempo sembra sospeso. Pronti allora per perdersi tra vicoli,...

Castel Gandolfo: l’elegante centro storico e la passeggiata lungo il lago

Basta una giornata di sole per farci desiderare di visitare uno dei più suggestivi borghi dei Castelli Romani. Castel Gandolfo, famoso per essere la residenza estiva dei pontefici e per i suoi bellissimi giardini che ospitano i resti della Villa di Domiziano e la...

Conosci Piazza di Spagna a Roma?

Turista o romano, avrai risposto “Certo!”. Ma noi ti sveliamo due punti molto poco noti di Piazza di Spagna nel grande sito Patrimonio Mondiale dell’Unesco della Città Eterna. Forse tutti sanno che Piazza di Spagna deve il suo nome all’Ambasciata di Spagna presso la...