Dalle terme di Bonifacio al lago di Canterno, andiamo alla scoperta dell’acqua. Non quella calda (fate poco gli spiritosi!) ma quel simbolo di purezza per antonomasia che traccia un percorso per il ristoro del corpo e dell’anima in Ciociaria. A passo lento da Fiuggi a Collepardo, seguiamo la “B Gialla”. Cosa è? Lo scoprirete solo leggendo.

Fiuggi FR Terme di Bonifacio

Alle Terme di Fiuggi “l’acqua rompe le pietre”, parola di papa Bonifacio VIII! Da lui, infatti, prende il nome la fonte da cui sgorga l’acqua che lo guarì. Tra i fitti castagneti sui monti Ernici sgorga l’acqua di Fiuggi, povera di calcio e disintossicante. Questo borgo medievale ci porta indietro all’epoca in cui il Papa ne fece uso per liberarsi della sua terribile calcolosi renale lasciando la sua firma sulle prodigiose terme.

“Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d’una aqqua d’una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra”, disse Michelangelo Buonarroti quando ricorse all’acqua di Fiuggi per il “mal della pietra”. L’invito alle Terme non è però solo a curare il corpo, piuttosto l’anima “lavandosi” via lo stress nel relax delle due fonti termali. Alla Fonte Bonifacio VIII s’affianca la Fonte Anticolana nei 94.000 mq del complesso termale più antico d’Italia.

Ferentino, Fiuggi, Fumone, Trivigliano FR LAGO DI CANTERNO

lago di Canterno

E già che si parla di anzianità, il Golf Club Fiuggi è al suo 92° compleanno. Tra i circoli più vetusti d’Italia, è proprio nell’area termale con le sue 18 buche in quasi 6 chilometri di manto verde nella Riserva naturale del Lago di Canterno. È tra Ferentino, Fiuggi, Fumone e Trivigliano che il Lago di Canterno si tinge dei colori della pace. La Ciociaria non è nuova al tema della serenità che solo l’acqua lacustre sa dare alle inquiete anime metropolitane. Il lago di Cardito e quello di Posta Fibreno ve lo sapranno raccontare meglio di tante parole!

Cosa scorgiamo all’orizzonte, una “B Gialla”? Ma certo è la segnaletica della Via di San Benedetto! Circa 300 km nel cuore verde d’Italia tra Natura e Spiritualità, dall’Umbria al Lazio per unire tre luoghi del Santo: Norcia, Subiaco e Montecassino. Siamo quasi alla fine delle 16 tappe e, perché no, cavalchiamo l’onda in direzione Collepardo!

Ci è venuto un certo languorino e chiedendo un po’ in giro abbiamo scoperto che gli gnocchi al sugo di pecora sono tipici di Vico nel Lazio, oltre che eccezionalmente buoni. Perché non approfittarne per il “ristoro dello stomaco”?

Orsù, è tempo di andare alla scoperta della nostra ultima tappa nel Borgo Arancione di Collepardo. Stupefacente trovare anche qui il ristoro del corpo e dell’anima nell’acqua e le sue architetture naturali sotterranee, fino al cuore pulsante della Terra.

Il viaggio negli abissi della terra ci fa intrufolare tra le bizzarre stalattiti e stalagmiti delle “Grotte dei Bambocci” e del Pozzo d’Antullo, la voragine carsica più grande d’Europa nel Parco Naturale Monti Ausoni e Lago di Fondi. Sembrerebbe un luogo dall’aspetto inquietante, ma anche qui si nasconde uno “spicchio di Cielo”: alla base di questa enorme gola c’è un manto lussureggiante con alberi altissimi!

E poi scoviamo un piccolo eremo in una grotta, il Santuario della Madonna Delle Cese, il ristoro di un eremita che pare si rifugiò qui poco prima dell’anno Mille temendo la fine del mondo!

Veroli FR Piazza Santa Salome

Basilica di Santa Salome a Veroli

Prima della nostra ultima tappa alla Certosa di Trisulti, deviamo fino all’Abbazia di Casamari. L’architettura gotico cistercense impreziosisce l’Italia Centrale dal 1200 ma fu eretta sui resti di Cereatae Marianae, il municipio romano dove nacque Caio Mario. Ci dicono che qui a Veroli ci attende un aneddoto curioso nella basilica di Santa Sàlome. Possiamo resistere secondo voi? Questa concattedrale duecentesca fu costruita sui resti della Santa e custodisce una Scala Santa del 1700. Esistono solo altre due scale sante nel mondo, a Gerusalemme e a Roma. La terza fu concessa da Papa Benedetto XIV e all’undicesimo scalino custodisce una reliquia della Croce del Calvario. Ma arrivate fino al 12° e ultimo scalino genuflessi per ottenere l’indulgenza, un’altra fonte di ristoro!

Collepardo FR - Certosa di Trisulti, Farmacia-Museo

Certosa di Trisulti, Farmacia-Museo

Ecco finalmente la Certosa di Trisulti, il monastero che dal 1200 infonde un incredibile senso di pace nei boschi secolari sul Cammino di San Benedetto. Monumento nazionale dal 1873, è immersa nei giardini all’italiana e vanta un’antica liquoreria, la farmacia affrescata con temi pompeiani che custodisce i recipienti originari per i medicamenti. Come rinunciare ad assaggiare i liquori alle erbe, frutto dell’antica tradizione erboristica di Collepardo? Altro aspetto curioso di questo luogo sacro è l’orologio a lancetta unica. Osservate sui tre lati del campanile i quadranti degli orologi… c’è solo la lancetta dei minuti! E per sapere l’ora esatta? Beh, ascoltate i rintocchi delle campane.

Aspettare per sapere… sarà questo il senso più intrinseco del ristoro?

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...