Nella Valle del Treja, tra le Cascate di Monte Gelato e Mazzano Romano

Una meta ideale per allontanarsi dalla città in cerca di refrigerio e ricaricarsi è senza dubbio la Valle del Treja, immersa in un suggestivo paesaggio naturale tra boschi ed una rigogliosa vegetazione e che offre anche borghi da scoprire.

Cascate Monte Gelato - Valle del Treja

Numerose sono le escursioni possibili lungo antichi sentieri, tra forre e cascate naturali formate dallo scorrere del fiume Treja, le più famose sono le Cascate di Monte Gelato.

Luoghi conosciuti sin dalla preistoria, come testimoniano le tracce dei molteplici insediamenti: dai resti di una villa romana del I secolo a.C., all’insediamento agricolo dell’VIII secolo d.C., al mulino ad acqua realizzato nell’800 e rimasto attivo sino agli anni ’60, alle aree archeologiche di Narce che documentano gli antichi siti falischi e il Monte Li Santi.

Mazzano Romano

Merita una passeggiata il vicino borgo medievale di Mazzano Romano, costruito su uno sperone di tufo, che accoglie il visitatore con le sue stradine, scalinate e vicoli da cui ammirare spettacolari scorci.
Si accede all’interno della cinta muraria attraverso un arco inglobato nel Palazzo Baronale dei Biscia, molte le costruzioni di epoche diverse tra cui risalta il Palazzo Baronale di Everso e Dolce degli Anguillara (XV secolo).

Da non perdere la visita alla piccola Chiesa di San Sebastiano, decorata da affreschi del XVI secolo raffiguranti il martirio di San Sebastiano tra San Rocco e San Gregorio Papa, la Madonna con il Bambino e Sant’Anna.

Proseguendo fino alla cima del borgo si raggiunge piazza dell’Antisà dove sono visibili i resti dell’antica Chiesa di San Nicola, costruita nel XVI secolo su disegno di Jacopo Barozzi da Vignola e demolita nel 1940 per pericoli di crolli.
La Valle del Treja è stata scelta spesso come location di riprese cinematografiche per molti film western del passato, spot pubblicitari e fiction attuali, così come Mazzano Romano, nel cui centro storico è stata girata buona parte del film “Destinazione Piovarolo” (1956), con Totò che interpretava un capostazione.

Valle del Treja

Scegliere di fare una breve gita o trascorrere qualche giorno di relax senza rinunciare alla bellezza di luoghi che conservano ancora profumi e immagini di un tempo passato è sicuramente una scelta che non deluderà e lascerà un piacevole ricordo.

Per maggiori informazioni:
info@parcotreja.it – 0761588951
https://www.comune.mazzanoromano.rm.it/hh/index.php

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

Più che colazione, brunch di Pasqua nel Lazio

La chiamano colazione di Pasqua ma somiglia di più a un brunch. Inizia appena svegli e finisce prima di tuffarsi sul divano, una vera maratona enogastronomica!

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.

Il Menù di San Giuseppe alla Festa del Papà

Per la Festa del Papà abbiamo in serbo una sorpresa. Non solo i bignè ma un intero Menù di San Giuseppe alla scoperta delle tradizioni culinarie del Lazio.

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

8 marzo e Giulia Farnese, la Bella della Tuscia

Giulia Farnese, la Bella, muore il 23 marzo 1524. Dopo 500 anni, scopriamone storia e aneddoti inattesi nella Giornata Internazionale della Donna, l’8 marzo.