Il castello del secolo XIII, palazzetti e un bel vicolo adorno di archi e logge: Falvaterra offre quiete, panorama e speleo-turismo nelle famose Grotte.

 

Ben conservato, il piccolo borgo del Lazio meridionale si affaccia alto sul Fiume Sacco, con vista impagabile su tutta la Ciociaria.

Ma il suo fiore all’occhiello è il monumento naturale  ‘Grotte di Falvaterra e Rio Obaco’, un grande parco naturale di 130 ettari, con un sistema di grotte carsiche lunghe più di 5 chilometri, laghi e cascate sotterranee, dove il turista amante dell’avventura troverà un’acqua celeste intenso, fredda ma incantevole, passaggi da fare attaccati alle corde in tutta sicurezza e con la guida per risalire le piccole cascate o attraversare le piscine naturali, con i piedi in acqua e il naso all’ insù per ammirare la magia  delle bianchissime stalattiti  della grotta. da non perdere è il passaggio alle Grotte di Pastena in alcuni periodi dell’anno: ma qui entriamo nel campo specifico degli speleosubacquei, esperti e muniti di adeguata attrezzatura.

Per tutti invece i prodotti del territorio, dalle ottime ricotte, caciotte e marzoline, all’olio e al vino locali.

E i peperoni alla vinaccia, una preparazione familiare tramandata da generazioni, diffusissima presso le famiglie locali.

 

INFO UTILI
distanza da Roma 123km
da non perdere Le Grotte di Falvaterra e Rio Obaco
sito web Comune di Falvaterra

SCOPRI ANCHE

C’era una volta il Borgo di Farfa e le sue botteghe

Nel cuore dell'antica terra Sabina, ai piedi del Monte Acuziano, in...

Picinisco la nuova Bandiera Arancione tutta da scoprire

Adagiato sul monte Meta, nel versante laziale del Parco Nazionale...

Pico

Il borgo di Pico è in provincia di Frosinone sul versante...

Varco Sabino

Varco Sabino, a circa 95 km da Roma, sorge su un colle a circa 750...