L’oliva nera di Gaeta è il connubio perfetto tra materia prima, ambiente e sistema di lavorazione. È considerata un patrimonio della gastronomia di Gaeta e dell’area di produzione circostante, in particolare Formia, Itri, Minturno, Fondi e Spigno Saturnia.

Deriva dalla varietà di olivo “Itrana”, utilizzata prevalentemente per la produzione di olive da mensa e per l’estrazione dell’olio. Questa particolare cultivar è diffusa nel Lazio e soprattutto a Latina e predomina sulle alture. È caratterizzata da una maturazione tardiva. Il frutto rimane sull’albero fino a marzo – aprile, con una colorazione rosso vinoso-nero. Questo prodotto si contraddistingue per il particolare colore, la forma leggermente affusolata e il sapore vinoso.

Le olive, raccolte dopo il 1° marzo di ciascun anno, sono avviate alla trasformazione con un tipo di lavorazione denominata “sistema all’itrana”, dove è esclusa l’immediata aggiunta di sale in acqua di governo per favorire l’avvio naturale della fermentazione. Solo dopo 10 – 30 giorni si procede con l’aggiunta di sale in quantità non superiore ai 7 kg per 100 kg di drupe allo stato fresco.

Per raggiungere il suo sapore caratteristico, l’oliva nera di Gaeta rimane in salamoia almeno per 5 mesi. Tra le tante preparazioni alle quali aggiunge gusto, incontriamo la Tiella di Gaeta, uno dei piatti tipici della cucina gaetana.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!