Il silenzio, tanto raro e agognato, talvolta temuto, talvolta assordante, per assurdo. Il bosco è il luogo ideale dove vivere questa esperienza: ascoltare il silenzio. Gli uccelli che cinguettano, il fruscìo delle foglie al vento, lo scorrere dell’acqua, il rumore dei passi sul sottobosco, fino al nostro respiro.

BRACCIANO - RM lago

lago di Bracciano

Come tutte le avventure indimenticabili, anche questa si fa con le persone giuste, voi stessi, e nel posto giusto, il Parco Naturale Regionale del complesso lacuale di Bracciano – Martignano.
Istituito nel 1999, il Parco di Bracciano – Martignano si estende per quasi 17000 ettari tra la Tuscia e Roma, accoccolato tra i borghi di Anguillara Sabazia, Bassano Romano, Bracciano, Campagnano di Roma, Manziana, Monterosi, Oriolo Romano, Roma, Sutri e Trevignano Romano. Tra i laghi vulcanici di Bracciano e Martignano spicca il monte Rocca Romana, la faggeta di Monte Raschio a Oriolo Romano e due monumenti naturali, la Caldara di Manziana, con le pozze di acque sulfuree tra le betulle del Bosco di macchia Grande, e la zona umida delle Pantane e Lagusiello a Trevignano Romano, il rifugio degli uccelli acquatici.

Sulle colline dei monti Sabatini, si fa largo uno dei Borghi Autentici tra i castagneti, il complesso di viali alberati delle Olmate e la faggeta di Monte Raschio: è Oriolo Romano.

Oriolo Romano VT faggeta di monte Raschio

la Faggeta vetusta depressa di monte Raschio

Patrimonio Mondiale dell’Unesco dal 2017, gli oltre 70 ettari della Faggeta vetusta depressa di Monte Raschio sono un raro esempio di bosco di faggi che crescono tra i 450 e i 550 metri s.l.m., notevolmente al di sotto delle quote raggiunte sugli Appennini dalla stessa specie forestale. Per questa e altre peculiarità, questo monumento naturale è stato inserito nel sito seriale “Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa”, con i suoi alberi cinquecentenari splendidamente immersi nella natura incontaminata.

MANZIANA RM Bosco di macchia Grande, il boschetto di betulle

le betulle nel Bosco di Macchia Grande

La selva di Manziana deriva il nome da Mantus, il dio dell’oltretomba Manth al quale gli Etruschi consacrarono questo bosco. Al tempo tenebroso, impenetrabile e costellato di polle d’acqua sulfurea, considerate temibili emanazioni dagli Inferi, ancora oggi, la selva rende i quasi 600 ettari del Bosco di Macchia Grande, la più grande distesa pianeggiante di piante ad alto fusto d’Europa.

MANZIANA - RM - Monumento Naturale Caldara

Monumento Naturale Caldara di Manziana

Orlato da un tratto dell’antica via Clodia, cela dal 1600 i ruderi della Mola di Manziana e la Caldara, un’ampia depressione legata alle manifestazioni vulcaniche dell’area tolfetana. Secondo una leggenda, in questo monumento naturale si trova la ricetta della pietra filosofale che trasforma il piombo in oro. Tra le betulle, un albero tipicamente nordico, testimone dell’ultima glaciazione, s’ode il gorgoglio d’un geyser, le esplosioni intermittenti di acque sulfuree a 27°C generate dalla vaporizzazione dell’acqua a contatto con il magma sotterraneo ancora incandescente.

I laghi di Bracciano e Martignano occupano il fondo di una conca legata all’attività dell’antico vulcano sabatino spento, in un paesaggio di colline boscose che stiracchiano ombre sinuose sugli specchi d’acqua. E proprio il rumore lieve e costante del dondolìo di barche a vela e canoe sull’acqua fa compagnia agli amanti del birdwatching, pronti all’avvistamento di folaghe, anatre, fistioni turchi, pesciaiole e strolaghe mezzane, e ancora rapaci come il nibbio bruno, il gufo e il falco.

Riuscite a immaginarvi lì? Andate a vedere con i vostri occhi e, soprattutto, a sentire con le orecchie!

Clicca qui per tutte le informazioni sulla Lazio YOUth Card

INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

“Ho visto un posto che mi piace, si chiama Monte Gorzano”

Con le parole di una famosa canzone vogliamo raccontarvi la nostra escursione sulla montagna più alta del Lazio, il Monte Gorzano 2458 mt s.l.m.. Partiti di buon mattino, ci dirigiamo verso Amatrice, ridente località bagnata dal fiume Tronto e circondata da oltre...

A Ronciglione, la Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo

Torna a Ronciglione la tradizionale Corsa a Vuoto al Palio di San Bartolomeo, sabato 20 e domenica 21 agosto. La Corsa dei Cavalli a Vuoto, o Corsa dei Barberi, è una rievocazione storica unica nel suo genere, un gioco forse d’origine greco-romana e sicuramente molto...

Immersi nella natura, alla scoperta dei monti Prenestini

C’è un territorio capace di sorprendere con itinerari suggestivi e talvolta selvaggi, immersi in luoghi tutti da scoprire: i monti Prenestini. Lontano dal caldo e dai rumori della vita cittadina Guadagnolo, il centro abitato più alto del Lazio, sorge in cima...

Gaeta, un luogo indimenticabile

Gaeta con il suo golfo, simbolo della Riviera di Ulisse, è un luogo indimenticabile per vivere un’emozione unica, irrepetibile e fuggire dall’afa cittadina. Partiti di buon mattino ci dirigiamo con l’auto nella città delle cento chiese, le cui origini si perdono nella...

Rocca di Cave, tra scogliera corallina, dinosauri e cosmo

Nel grazioso borgo arroccato di Rocca di Cave è possibile vivere un emozionante escursione, un tuffo nel passato che permetterà di scoprire la millenaria storia del territorio. Nel 2016 proprio in questi luoghi, sui Monti Prenestini, è stato ritrovato il dinosauro,...

Le meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel Sant’Elia

Conoscete l’Alta Tuscia? Oggi vi portiamo da Nepi a Castel Sant’Elia alla scoperta di alcune meraviglie che non ti aspetti, nascoste in pochi chilometri. Siamo a Nepi, uno dei punti di accesso all’antica Etruria affacciato da uno sperone di tufo, una peculiarità...

Il Lago del Salto tra fiordi, borghi e mistero

Il Lago del Salto è il più grande bacino artificiale del Lazio, prende il nome dalla valle del Salto dove è stato creato con lo sbarramento dell’omonimo fiume. Il suo aspetto estremamente selvaggio, a tratti anche ruvido, lo rende unico e affascinante. I suoi fiordi,...

Un weekend in bicicletta a Rieti

Rieti, nella piana reatina con le sue colline verdi, la natura incontaminata e le sue maestose montagne che la circondano, è il luogo ideale per trascorrere un weekend all’insegna di rilassanti passeggiate in bicicletta, come cantava Cocciante, magari con tutta la...

Un viaggio lungo le rive dei fiumi del Lazio

Cosa c’è di meglio di chiare e fresche acque per lenire il caldo delle torride giornate estive, se non vivere un’esperienza lungo le rive di alcuni dei più importanti fiumi del Lazio? A soli 50 km da Roma le Gole del Farfa, vero paradiso per gli amanti del canyoning,...

Ventotene… l’isola che non ti aspetti

Vogliamo raccontarvi il nostro fine settimana nell’Isola di Ventotene tra mare, storia, cultura e tanto buon cibo. Imbarcati sul traghetto e giunti alla vista dell’inconfondibile isola dalle tante case colorate, non possiamo non rimanere affascinati alla visione...