Nel Lazio, non è 1° maggio senza fave e pecorino e il Concertone storico in piazza San Giovanni in Laterano! Camminate con noi nella storia e nelle storie che hanno trasformato fave e pecorino in un must in questo giorno di festa anche al Concerto più atteso dell’anno.

Facebook @Proloconepi

La tradizionale giornata all’aria aperta risale ai tempi degli antichi Romani. Si celebrava l’arrivo della Primavera con un menù ricco di leccornìe. L’abbinamento “fave e pecorino” con un bicchiere di vino esaudiva il desiderio di sfiziarsi con qualcosa di economico e facile da preparare. A Nepi il pecorino romano “tradisce le fave” e fa coppia fissa con il salame cotto, soprattutto durante la sagra che li vede protagonisti proprio a maggio.

fiore di fava ft FB @stefano.mascellino.9

fiore di fava – Facebook @stefano.mascellino.9

Ma perché i nostri avi hanno scelto proprio questi due prodotti come simbolo della Festa di Primavera? Le fave crescevano nelle terre affacciate sul Mediterraneo già nel Neolitico. Inizialmente avevano un significato negativo perché i Greci ritenevano che le macchie nere a forma di Tau sul fiore bianco indicassero il principio della parola tanatos, ovvero “morte”. Inoltre dai gambi cavi credevano che le anime dei defunti risalissero dall’Aldilà.

Fave dei Morti novembre Ft FB @ilfratellodecicci

Fave dei Morti – Facebook @ilfratellodecicci

Pitagora descrive il baccello come l’accesso al mondo dei morti e i semi come custodi delle loro anime. Da qui l’usanza ancora viva di mangiare le “fave dei morti” per Ognissanti, i biscotti di mandorle tipici di Roma e dell’Italia centrale. Platone sosteneva che le fave lo privasse della tranquillità spirituale necessaria nella ricerca della verità. E ancora, il sacerdote di Giove non poteva mangiarla né toccarla, il Pontefice Massimo neanche nominarla. Tutta colpa del baccello indigesto! Ma questo si scoprì molto più in là.

Finalmente si inizia a dare alla fava il significato positivo di “generatrice di vita” quando si riscontra una certa affinità estetica di baccelli e semi con il corpo maschile e femminile. In questa nuova veste, la troviamo nelle celebrazioni della dea Flora, protettrice della natura in fiore. Fu così che il lancio dei baccelli si considerò di buon auspicio. Dalla prosperità al potere afrodisiaco il passo fu breve soprattutto quando gli scienziati moderni confermarono la presenza di principi attivi che aumentano la libido. Divenne un elemento irrinunciabile nelle ricette della tradizione culinaria romana, associato spesso e volentieri a un’altra prelibatezza regionale, il Pecorino Romano.

ANGUILLARA SABAZIA-TREVIGNANO ROMANO-ROMA cacio fiore

cacio fiore

Sin dai tempi della Roma Antica, Plinio il Vecchio e Ippocrate spiegano i metodi di produzione di questa delizia dei palati dei Latini. Rientrava persino nella dieta dei legionari prima delle battaglie per la facile conservazione e digeribilità. Forse non tutti sanno che nel Lazio c’è un suo illustre antenato, il Cacio Fiore. È un formaggio di latte crudo ovino con l’aggiunta di caglio ricavato dal fiore di carciofo della Campagna Romana. Ed ecco svelato il significato del nome “bucolico” di questo Presidio Slow Food dal 2005 prodotto a Roma, Anguillara Sabazia e Trevignano Romano.

Ma torniamo al Pecorino Romano DOP. Insieme alle tenere fave romanesche si serve tradizionalmente alla fine dei pranzi luculliani nella Festa del 1° Maggio o Maggetto.

ROMA vignarola romana Ft TW @eatidea

vignarola romana – Twitter @eatidea

Quando si parla di fave, salta subito in mente la Vignarola Romana. Questo delizioso contorno o piatto unico è un mix di cipolle, carciofi romaneschi, piselli, fave, lattuga romana e tanto Pecorino Romano DOP. Prende il nome dai “vignaroli”, i contadini che, dopo il duro lavoro nei campi, si deliziavano con i sapori tipici di maggio non scevri dalle decantate doti afrodisiache.

Ora sapete cosa mangiare e qualche aneddoto. Siete pronti a godervi il Concertone del Primo Maggio!

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

L’Infiorata di Gerano è Candidata UNESCO

Lo spettacolo della più antica Infiorata d’Italia colora Gerano dal 1740 in onore della Madonna del Cuore. È candidato a Patrimonio Immateriale dell’UNESCO.

Casa delle Antiche Scatole di Latta a Gerano

A Gerano c’è un luogo magico che ha il profumo della memoria: la Casa delle Antiche Scatole di latta. È una mostra nata per caso dalla passione della sua ideatrice, Marina Durand De La Penne. Dopo aver ricevuto in dono un bidone della Saiwa, la casa dolciaria fondata...

Buon 2777° compleanno Roma!

Il 21 aprile Roma festeggia il suo 2777° compleanno. Perché si festeggia il 21 aprile? E quali sono le tradizioni da vivere nella Città Eterna? Ecco la storia.

Lazio, terra di Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Nel Lazio sono 9 i riconoscimenti inclusi nelle liste materiali e immateriali dell’UNESCO. Eredità di eccezionale valore universale per il mondo intero.

A spasso tra siti candidati a Patrimonio UNESCO

Alla scoperta dei 5 siti del Lazio iscritti nella Tentative List, la lista d’attesa per entrare a far parte della prestigiosa rosa dei Patrimoni dell’Umanità.

12 Passeggiate tra 7 fiori in fiore nel Lazio

È tempo di vivere la natura in fiore in 12 passeggiate dalle mille sfumature di colori di 7 fiori in fiore nel Lazio, dalla Primavera fino all’Estate!

#CarbonaraDay, una giornata mondiale da postare

Il 6 aprile è il Carbonara Day, si celebra un piatto tipico del Lazio e un’icona della cucina italiana nel mondo. Postate la vostra Carbonara con #carbonaraday.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.

I luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

Roma sottosopra tra labirinti, cave e laghetti

Benvenuti nella Roma sottosopra, 3 luoghi sotterranei tra labirinti, cave, grotte e laghetti. Dove? Al Celio, a Monteverde e sotto il Parco dell’Appia Antica.