È iniziato l’Autunno e, per molti, la dieta pre-natalizia. Noci, castagne, nocciole e mandorle possono aiutarci in questa impresa titanica. In piccole dosi, infatti, sono lo “spezza fame” perfetto secondo i nutrizionisti. Godiamoci le sfumature d’Autunno che profumano il Lazio goloso color frutta secca!

Secondo i dietologi, è bene iniziare i pasti con l’insalata. Per evitare di far scendere “il velo nero dell’amarezza” nella vostra cucina, trasformiamo una semplice misticanza in un piatto gustoso. Rendiamolo un incontro dolce – amaro di erbe crude, spontanee e aromatiche. Ecco la pozione magica laziale: cresta di gallo, orecchia d’asino, dente di leone, lingua di cane, pimpinella, raponzoli, cipiccia, erba acciuga e anche un po’ di caccialepre. Lo scazzaliébbre, come si chiama a Ponza, è un’erbetta che riempie l’isola di fiori gialli e i piatti d’un sapore lattiginoso-amarognolo. Completate con cicoria di campo, valerianella, radicchio, puntarelle romane, rughetta e ravanelli selvatici.

È il condimento che la renderà scrocchiarella e appetitosa. Oltre a sale, olio EVO Tuscia Dop, succo di limone e foglie di menta, cospargetela di semi di senape, lino e girasole, fettine di pere e noci. Sempre secondo gli esperti, infatti, i semi ci depurano e tengono basso il colesterolo, mentre le noci inducono la sazietà.

Castagneto Monumentale a Terelle (FR)

Avete ancora fame? Di castagne e marroni buonissimi ce ne sono tanti nel Lazio. Entriamo nei meandri del castagneto monumentale a Terelle, un borgo medievale… invisibile! Incredibile a dirsi ma dalla valle del Liri sottostante non si vede, a meno che non si risalga il monte Cairo sul quale è abbarbicato a 900 mt d’altitudine. Avvolte da un alone di mistero, le castagne si dondolano dagli alberi ottocentenari e dal tronco largo ben 12 metri, timidamente avvolte nel loro guscio spinoso. Siamo in un angolo fiabesco nella bassa Ciociaria, al cospetto della castagna di Terelle DOC da assaporare a novembre alla festa in suo onore.

E la dieta? Contengono carboidrati, è vero, ma non fanno ingrassare! Tutto sta nella scelta della cottura meno calorica. Evitate quelle secche e preferite quelle bollite o fresche. E se proprio non resistete alla tentazione, sgranocchiatele calde dal cartoccio. Che vita sarebbe senza qualche trasgressione?

nocciola Tonda Romana Gentile DOP

Torniamo a dieta per assaggiare la nocciola, ma non una qualsiasi, la Tonda Gentile Romana! Siamo tra i monti Cimini e i Sabatini, dove sboccia la nocciola romana DOP, dal sapore delicato e persistente. Nell’Antica Roma si bruciava il nocciolo selvatico durante i sacrifici al Dio Giano sul colle di Carbognano, oggi la nocciola romana DOP si festeggia alla sagra a Caprarola di fine agosto. E non solo. A Ronciglione, pasticceri e chef si contendono il “Premio nazionale del Dolce con Nocciola Tonda Gentile Romana DOP” a suon di torte, biscotti, creme spalmabili e gelati. Purtroppo è tra ottobre e novembre e noi siamo già a dieta ma… abbiamo la soluzione! A colazione con i cereali o la frutta fresca, come farina per dolci senza glutine o come granella per gratinare le verdure, una manciata di nocciole aiuta a dimagrire. Infatti, riduce l’indice di massa corporea e dà senso di sazietà. Non tutti sanno che è anche un elisir di lunga vita perché ricca di antiossidanti nella pellicola che la ricopre.

Ma esiste un dolce dietetico con la frutta secca? Lo abbiamo trovato a Borgorose, un piccolo borgo nel Cicolano. Il Serpentone di Sant’Anatolia è senza glutine e senza lattosio, preparato con mandorle amare e dolci macinate, zucchero, uova, limone e due chicchi di caffè a mo’ di occhi del serpente.

Santuario di Sant'Anatolia a Borgorose (RI)

Santuario di Sant’Anatolia a Borgorose (RI)

Aleggia una storia attorno a questo dolce tipico. Si narra che nel 251 d.C. Anatolia, chiusa in un sacco con dei serpenti velenosi, ne uscì il giorno dopo miracolosamente indenne. Simbolo del trionfo del bene sul male, il Serpentone si prepara il 10 luglio per la festa di Santa Anatolia nella frazione omonima di Borgorose. E non è tutto. Il sacro si fonde col profano quando la forma di serpente simboleggia il cambio di stagione, il ciclo di morte e rinascita nelle raffigurazioni di Cerere, la dea dell’agricoltura. O quando la mandorla si erge a simbolo cristiano dell’interiorità nascosta nell’esteriorità: rotto il guscio, si scopre la vera essenza delle cose.

E con questa riflessione inaspettatamente profonda sulla frutta secca, godiamoci le sfumature d’Autunno del Lazio goloso che non fa ingrassare!

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

Isola… rsi nella magica Ponza

Un giorno sull’isola di Ponza non vi basterà per assaporarne tutte le sfumature paradisiache. Le emozioni sono tante e tutte da vivere, sopra e sotto il mare!

La Grattachecca, un must dell’estate romana!

L’estate non è estate a Roma senza la grattachecca! Affonda il cucchiaio nel bicchiere di ghiaccio annegato in sciroppo e frutta fresca e gustati la sua storia.

Roma e l’acqua, un’antica storia d’amore

Ecco le storie delle Fontane del Facchino, dei Quattro Fiumi, di Trevi, delle Tartarughe e “der Fontanone”, simboli della grandezza di Roma basata sull’acqua.

7 luoghi “fuori luogo” nel Lazio

In questi luoghi “fuori luogo” è accaduto qualcosa d’inatteso per mano dell’uomo, della natura o del fato che ha cambiato la storia del borgo nel Lazio.

6 magnifici Monumenti Naturali nel Lazio

Immergiamoci nelle bellezze naturali nel Lazio, un viaggio tra quei monumenti che Madre Natura ha ideato e forgiato con vento, acqua e ghiaccio!

Nel Lazio dove i tronchi svelano arte e poesia

Alla scoperta delle opere artistiche cariche di poesia realizzate dal giovane scultore che scolpisce sui tronchi mozzi abbandonati lungo il ciglio delle strade.

10 Bandiere Verdi nel Lazio top per famiglie

Scopriamo dove sventolano nel 2024 le 10 Bandiere Verdi nel Lazio, le 10 spiagge eccellenti per le famiglie per il mare pulito e i servizi a misura di bambino.

Viaggio nel Giardino di Ninfa. Benvenuti in Paradiso

Alberi secolari, fiori variopinti, antiche rovine, giochi d’acqua. Il Giardino di Ninfa è un’opera d’arte vivente, scoprirla è un’esperienza che accende i sensi

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.