Se vedete gigli araldici di Francia su finestre e portali di antichi palazzi, non avete sbagliato strada. Siete intorno a Viterbo e il giglio a tre petali è lo stemma dei Farnese, i Signori della Tuscia dal 1500. Ricchi, famosi, potenti. I pontefici li proteggono e loro estendono potere e dominio, facendo della Tuscia un vero e proprio regno. Andiamo alla scoperta dei segni indelebili lasciati al loro passaggio.

Castro

La ‘caccia al tesoro’ dei loro possedimenti inizia a Ischia di Castro tra le rovine di Castro, la cinquecentesca capitale del ducato, realizzata Antonio da Sangallo il giovane. Un papa la fece costruire, un papa la distrusse come punizione esemplare per lo ‘sgarbo’ di aver sfidato il potere della Chiesa. Era il 1649 e il mondo andava così. La vegetazione, pietosamente, provvide poi a nascondere la storia. Ora tra le sue rovine è bello passeggiare in una giornata a ritmo lento e ricostruire con la fantasia chiese, case e conventi, piazze e strade, o andare alla ricerca di affreschi, ancora visibili.

Gli abiti dei Farnese

Per la cronaca, il Sangallo era l’architetto di papa Paolo III, quello di Palazzo Farnese a Roma, quello dei bastioni ‘alla moderna’ delle antiche mura aureliane, che ancora contornano il centro di Roma. Quello che solo Michelangelo poteva completare. Ma non solo, Sangallo fu colui che subentrò a Raffaello come architetto capo della Basilica di San Pietro!

Palazzo Farnese a Caprarola

Dalle rovine passiamo alla gloria sfarzosa di Caprarola, che mostra intatto l’orgoglio del potere: il maestoso Palazzo Farnese. Questa scenografica quinta di una via creata appositamente per farlo risaltare è opera del Vignola. E pazienza se il necessario rialzo per creare la giusta prospettiva a cannocchiale della via andava a ‘ferire’ palazzi e palazzetti, riducendone gli ingressi.

Palazzo Farnese a Caprarola – Foto Roberto Ricci

Certo è che l’impatto è incredibile, da fuori e ancora di più dopo essere entrati. La scala elicoidale da percorrere a cavallo, come quello bianchissimo di Paolo III, è tutta affrescata. Permette di raggiungere le splendide sale dipinte: quella dell’eco, tanto amata dai bambini, quella della enorme carta geografica del mondo, come era noto allora. E infine il giardino all’italiana, tra i più belli del Lazio.

Panoramica di Canino - Foto di Pippo-b da Wikipedia

Canino – foto di Pippo-b @ Wikipedia

Non basta una lunga giornata estiva per conoscere i ‘segni’ farnesiani: tra Castro e Caprarola una serie di piccoli centri furono dominati dalla famiglia. A caccia di gigli Farnese, fermiamoci a Canino. Diede i natali a papa Paolo III Farnese e ora è noto per l’ottimo olio EVO Dop, verde smeraldo con riflessi d’oro.

Lago di Bolsena

Lago di Bolsena

Proseguiamo per Gradoli, nell’antico palazzo Farnese che domina il lago di Bolsena. Sono bellissimi i fregi del salone del piano nobile, i pavimenti di cotto che resistono da oltre 500 anni, i soffitti a cassettoni. Ma ciò che affascina tutti è la ‘sfilata di moda’ del Museo del Costume Farnesiano. Qui si trovano abiti sfarzosi come su un set cinematografico, per lo più riproduzioni, in un percorso di storia fatto di stoffe e ornamenti preziosi che copre tutto il periodo della dominazione farnesiana.

Capodimonte

Da Gradoli si vedono tutti i borghi che, dall’alto o sulle riva, contornano il lago di Bolsena, o vi si appoggiano. Fermiamoci a Capodimonte, proprio sull’acqua. Il borgo è piccolo e grazioso, perfetto per il gusto femminile di Giulia Farnese. La bella Giulia amava molto soggiornare nella splendida dimora e affacciarsi alle finestre a picco sul lago. La vista è sulla selvaggia Isola Bisentina, l’ultima dimora dei rampolli della casata.

Ronciglione

Ronciglione

Ronciglione è l’unico esempio sopravvissuto dell’urbanistica farnesiana. Proprio per essere sulla variante Cimina della Via Cassia Francigena, via di grande transito dall’Europa a Roma, e verso l’Oriente, vanta una tradizione enogastronomica che mercanti, eserciti, papi, re e pellegrini in transito hanno arricchito di sapori e commistioni. Lattarini e anguille del vicino Lago di Vico, funghi fettuccine e carni alla brace, nonché ottimo olio EVO sono solo alcuni degli esempi. Ma su tutto padrona è la nocciola, utilizzata nelle cucine e da acquistare in tutte le versioni, dolci, salate, e in tante creme.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Nel Lazio tra i 4 Carnevali Storici d’Italia

Tra i 48 Carnevali Storici italiani selezionati dal Ministero della Cultura, 4 sono nel Lazio. Scopriamo e viviamo i 4 borghi ospiti in Ciociaria e Tuscia.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!

Il pastorello di Vitorchiano che salvò Roma

I Musei Capitolini ospitano Lo Spinario, la statua raffigurante Marzio, pastorello di Vitorchiano seduto su una roccia intento a togliersi una spina dal piede.