La Festa della Donna rappresenta, ogni 8 marzo, l’occasione per ricordare le conquiste sociali di cui il genere femminile è stato il protagonista nello scorso secolo. Ma quali sono le donne che hanno lasciato un segno nella storia del Lazio?

CASTEL SAN PIETRO ROMANO RM Pane amore e fantasia Lollobrigida

Pane Amore e Fantasia

Nata a Subiaco, Gina (Luigia) Lollobrigida è stata un’attrice dal carisma indiscusso. Fu un’indimenticabile icona del cinema italiano. Le sue interpretazioni le valsero numerose nomination e il premio per la migliore attrice a Cannes per “La donna più bella del mondo”. Nel 1955 la rivista Time le dedicò la copertina. Anni fa la Repubblica di San Marino ha disposto un’emissione filatelica in suo onore. I suoi personaggi sono rimasti immortali, come la bersagliera di Pane Amore e Fantasia, girato a Castel San Pietro Romano e la fata turchina delle Avventure di Pinocchio, ambientato in parte a Torre Astura a Nettuno. La “Lollo” si è distinta nel campo dell’arte, della fotografia e della scultura. Fu una grande sostenitrice dell’emancipazione femminile e il suo impegno sociale con le organizzazioni umanitarie le è valso molti riconoscimenti.

Maria Montessori aveva una forte personalità e si distinse per l’impegno sociale e scientifico. Realizzò nel quartiere San Lorenzo di Roma la prima Casa dei Bambini nel 1907. Fu tra le prime donne in Italia a laurearsi in medicina e specializzarsi in neuropsichiatria infantile. Il suo metodo didattico è ancora adottato in migliaia di scuole materne ed elementari nel mondo.

Casa dei Bambini di Maria Montessori - Instagram @la_mia_casa_roma

Casa dei Bambini di Maria Montessori – Instagram @la_mia_casa_roma

Ha rivoluzionato il sistema educativo per aiutare il bambino ad essere autonomo, libero di crescere come individuo e manifestarsi spontaneamente. Ha combattuto per la libertà femminile. Se il suo volto vi sembra familiare è perché compariva sulle vecchie mille lire!

Sezze

Sezze

Clementina Caligaris fu un’eroina nell’Agro Pontino. Fu tra le prime tredici donne italiane a entrare nella Consulta Nazionale per la Costituente il 25 settembre 1945. Arrivò all’età di 22 anni a Sezze come insegnante elementare. Fu attiva nella politica e nei sindacati a sostegno delle donne braccianti e della loro emancipazione economica e sociale. Rappresentava le maestre nei vertici regionali dell’Unione Magistrale Nazionale. La “maestrina” di Sezze tenne comizi nelle piazze tra i monti Lepini e la Pianura Pontina e fu protagonista di manifestazioni politiche rimaste nella memoria popolare. Si rifugiò a Velletri e morì da donna libera nel 1977, a 94 anni.

Donna Olimpia Maidalchini, autore Enrique Cordero

Il potere al femminile è protagonista anche nella Tuscia viterbese. A San Martino al Cimino di Viterbo visse donna Olimpia Maidalchini, un personaggio controverso della Roma del Seicento. Era legata alla propria terra e alle proprie origini. Il popolo la soprannominò la Pimpaccia di Piazza Navona. Il nome le fu attribuito dalla scultura satirica di Pasquino. La principessa promosse la costruzione di Palazzo Doria-Pamphilj sugli ambienti semi abbandonati dell’antica abbazia cistercense di San Martino al Cimino. Utilizzò i materiali della ristrutturazione del palazzo romano di famiglia dove visse fino alla morte di papa Innocenzo X. Chissà se alla sua corte già si deliziavano con le castagne dei Cimini e di Vallerano nei piatti salati o dolci!

Anita Garibaldi opera di Gaetano Gallino

A Rieti, Anita e Giuseppe Garibaldi vissero i 46 giorni più felici del loro matrimonio in terra europea dal 26 febbraio al 13 aprile 1849. Abitarono al primo piano di Palazzo Colelli, oggi sede dell’omonimo museo. Furono ospiti del marchese. Le fonti raccontano che al pian terreno Anita aveva attrezzato una sartoria per la confezione delle divise militari. Qui lavoravano molti sarti e sarte della città, tutti con un ottimo rapporto con Anita tanto da proporsi come tramite con la popolazione. Fu proprio questo comportamento a riportare l’immagine di lei e del Generale nella normalità. Così i reatini cominciarono a chiamarla affettuosamente “sor’Annita”, come una di loro.

RIETI torta mimosa foto lamimosadiadelmo.it

www.lamimosadiadelmo.it

Il nostro tour tra le storie di donne straordinarie nel Lazio termina con un assaggio di Mimosa. La torta è una geniale invenzione di Adelmo Renzi, lo chef e pasticcere di Rieti che per primo l’ideò per un concorso.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Viaggio nei borghi Bandiera Arancione del Lazio

C’è un filo arancione che unisce 25 Comuni della regione. È quello del Touring Club Italiano che ogni anno assegna il riconoscimento di Bandiera Arancione a tutte quelle località che si contraddistinguono per l'eccellenza dell'offerta turistica e la qualità dello...

Roma e l’acqua, un’antica storia d’amore

Ecco le storie delle Fontane del Facchino, dei Quattro Fiumi, di Trevi, delle Tartarughe e “der Fontanone”, simboli della grandezza di Roma basata sull’acqua.

Quando Bonaparte fu il Principe di Canino

Ecco la storia narrata dai luoghi che 200 anni fa entrarono nella vita di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone e Principe di Canino dal 1814 per 20 anni.

10 Bandiere Verdi nel Lazio top per famiglie

Scopriamo dove sventolano nel 2024 le 10 Bandiere Verdi nel Lazio, le 10 spiagge eccellenti per le famiglie per il mare pulito e i servizi a misura di bambino.

Un salto alle Cascate di Monte Gelato

Nella Valle del Treja c’è una meta ideale per ricaricarvi di energia positiva tra i boschi rigogliosi vicino a Mazzano Romano: le Cascate di Monte Gelato.

4 storie d’Amore soprannaturale nel Lazio

Parliamo d’Amore con la A maiuscola! Passeggiamo nel Lazio in 4 luoghi che raccontano storie d’Amore soprannaturale. Scopriteli con noi. Andateci con chi amate!

I segreti sotterranei nei Connutti a Vignanello

Andiamo alla scoperta dei segreti sotterranei nei Connutti di Vignanello, gli straordinari spazi ipogei recuperati e resi fruibili con le visite guidate.

Le fonti di ristoro da Fiuggi a Collepardo

Dalle terme di Bonifacio al lago di Canterno, andiamo alla scoperta dell’acqua inseguendo la B Gialla in Ciociaria per il ristoro del corpo e dell’anima.

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 10 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

La Primavera e i colori dello sport in Sabina

Scopriamo con lo sport l’arcobaleno di colori a Primavera in Sabina, dall’azzurro dei cieli al blu delle acque, dal verde dei monti al rosso dei tramonti.