La Festa della Donna rappresenta, ogni 8 marzo, l’occasione per ricordare le conquiste sociali di cui il genere femminile è stato il protagonista nello scorso secolo. Ma quali sono le donne che hanno lasciato un segno nella storia del Lazio?

CASTEL SAN PIETRO ROMANO RM Pane amore e fantasia Lollobrigida

Pane Amore e Fantasia

Nata a Subiaco, Gina (Luigia) Lollobrigida è stata un’attrice dal carisma indiscusso. Fu un’indimenticabile icona del cinema italiano. Le sue interpretazioni le valsero numerose nomination e il premio per la migliore attrice a Cannes per “La donna più bella del mondo”. Nel 1955 la rivista Time le dedicò la copertina. Anni fa la Repubblica di San Marino ha disposto un’emissione filatelica in suo onore. I suoi personaggi sono rimasti immortali, come la bersagliera di Pane Amore e Fantasia, girato a Castel San Pietro Romano e la fata turchina delle Avventure di Pinocchio, ambientato in parte a Torre Astura a Nettuno. La “Lollo” si è distinta nel campo dell’arte, della fotografia e della scultura. Fu una grande sostenitrice dell’emancipazione femminile e il suo impegno sociale con le organizzazioni umanitarie le è valso molti riconoscimenti.

Maria Montessori aveva una forte personalità e si distinse per l’impegno sociale e scientifico. Realizzò nel quartiere San Lorenzo di Roma la prima Casa dei Bambini nel 1907. Fu tra le prime donne in Italia a laurearsi in medicina e specializzarsi in neuropsichiatria infantile. Il suo metodo didattico è ancora adottato in migliaia di scuole materne ed elementari nel mondo.

Casa dei Bambini di Maria Montessori - Instagram @la_mia_casa_roma

Casa dei Bambini di Maria Montessori – Instagram @la_mia_casa_roma

Ha rivoluzionato il sistema educativo per aiutare il bambino ad essere autonomo, libero di crescere come individuo e manifestarsi spontaneamente. Ha combattuto per la libertà femminile. Se il suo volto vi sembra familiare è perché compariva sulle vecchie mille lire!

Sezze

Sezze

Clementina Caligaris fu un’eroina nell’Agro Pontino. Fu tra le prime tredici donne italiane a entrare nella Consulta Nazionale per la Costituente il 25 settembre 1945. Arrivò all’età di 22 anni a Sezze come insegnante elementare. Fu attiva nella politica e nei sindacati a sostegno delle donne braccianti e della loro emancipazione economica e sociale. Rappresentava le maestre nei vertici regionali dell’Unione Magistrale Nazionale. La “maestrina” di Sezze tenne comizi nelle piazze tra i monti Lepini e la Pianura Pontina e fu protagonista di manifestazioni politiche rimaste nella memoria popolare. Si rifugiò a Velletri e morì da donna libera nel 1977, a 94 anni.

Donna Olimpia Maidalchini, autore Enrique Cordero

Il potere al femminile è protagonista anche nella Tuscia viterbese. A San Martino al Cimino di Viterbo visse donna Olimpia Maidalchini, un personaggio controverso della Roma del Seicento. Era legata alla propria terra e alle proprie origini. Il popolo la soprannominò la Pimpaccia di Piazza Navona. Il nome le fu attribuito dalla scultura satirica di Pasquino. La principessa promosse la costruzione di Palazzo Doria-Pamphilj sugli ambienti semi abbandonati dell’antica abbazia cistercense di San Martino al Cimino. Utilizzò i materiali della ristrutturazione del palazzo romano di famiglia dove visse fino alla morte di papa Innocenzo X. Chissà se alla sua corte già si deliziavano con le castagne dei Cimini e di Vallerano nei piatti salati o dolci!

Anita Garibaldi opera di Gaetano Gallino

A Rieti, Anita e Giuseppe Garibaldi vissero i 46 giorni più felici del loro matrimonio in terra europea dal 26 febbraio al 13 aprile 1849. Abitarono al primo piano di Palazzo Colelli, oggi sede dell’omonimo museo. Furono ospiti del marchese. Le fonti raccontano che al pian terreno Anita aveva attrezzato una sartoria per la confezione delle divise militari. Qui lavoravano molti sarti e sarte della città, tutti con un ottimo rapporto con Anita tanto da proporsi come tramite con la popolazione. Fu proprio questo comportamento a riportare l’immagine di lei e del Generale nella normalità. Così i reatini cominciarono a chiamarla affettuosamente “sor’Annita”, come una di loro.

RIETI torta mimosa foto lamimosadiadelmo.it

www.lamimosadiadelmo.it

Il nostro tour tra le storie di donne straordinarie nel Lazio termina con un assaggio di Mimosa. La torta è una geniale invenzione di Adelmo Renzi, lo chef e pasticcere di Rieti che per primo l’ideò per un concorso.

 

Social share
INFO UTILI

SCOPRI ANCHE

Meraviglie da scoprire tra Nepi e Castel S.Elia

Da Nepi, alle cascate naturali, alla Basilica di Sant’Elia gioiello in stile romanico, l’itinerario in questo angolo dell’alta Tuscia è pieno di meraviglie.

Seguendo l’eco del Liri in 4 borghi ciociari

L’acqua caratterizza la Ciociaria. Seguiamo l’eco del Liri nei 4 borghi che portano il suo nome: Castelliri, Fontana Liri, San Giorgio a Liri, Isola del Liri.

Leonessa, un borgo per tutte le stagioni

Trekking, mountain bike, downhill, Leonessa è un vero regno dell’outdoor, amato da ciclisti e motociclisti sia d’estate che d’inverno. Da non perdere le sagre.

100 sfumature di un secolo di Garbatella

I cento anni della Garbatella hanno disegnato superbe rughe nell’anima eclettica d’un quartiere strabordante di storia e arte, di tradizioni e romanità.

7 posti “al bacio” nel Lazio per San Valentino

Dove si può stare soli soletti a San Valentino nel Lazio? Ecco 7 posti “al bacio” riservati solo a voi e al vostro Amore! Buon San Valentino.

Il Carnevale goloso del Lazio

Nel periodo più colorato, allegro e divertente dell’anno, trasportati dalla leggerezza del carnevale scopriamo i ghiotti dolci della tradizione del Lazio.

Nel Lazio tra i 4 Carnevali Storici d’Italia

Tra i 48 Carnevali Storici italiani selezionati dal Ministero della Cultura, 4 sono nel Lazio. Scopriamo e viviamo i 4 borghi ospiti in Ciociaria e Tuscia.

Quando Mozart suonò a Civita Castellana

Il ricordo della visita di Mozart a Civita Castellana durante un viaggio in Italia. Nel Duomo di S.Maria Maggiore durante la Messa suonò lo straordinario organo

Silent Walking nel Lazio tra le Big Bench

Sentitevi minuscoli e meravigliatevi sulle 9 Panchine Giganti nel Lazio. Il silent walking è forse il modo migliore, una passeggiata solitaria e silenziosa.

Tutti Fritti, 10 street food tipici del Lazio

Ladies and gentlemen, ecco a voi gli streetfood tipici del Lazio, sfiziosi e golosi. Stappate le birre gelate, si mangia con le mani al “Tutti Fritti Party”!